Si sa che il mondo del calcio per un tifoso è più dolori che gioie, d’altronde i campionati li può vincere soltanto una squadra,...

Si sa che il mondo del calcio per un tifoso è più dolori che gioie, d’altronde i campionati li può vincere soltanto una squadra, così come le coppe, ed ecco che allora per far vincere la nostra squadra del cuore o per provare le scalate dalla Lega Pro alla Champions League Football Manager ci da la possibilità di diventare il nuovo Guardiola e portare il nostro club sulla vetta del Mondo.

Tutto davvero molto bello, per usare una famosa frase di Bruno Pizzul, ma per quanto possiamo essere degli enfant prodige della panchina nessuno di noi potrà mai sfuggire alle grinfie delle sfighe che colpiscono dritto per dritto nel nostro gioco manageriale preferito, ecco perchè noi di Football Manager Online Forum abbiamo ideato per voi la classifica delle dieci cose che ti fanno smadonnare mentre giochi a Football Manager!

10. L’ACQUISTO TROPPO COSTOSO

Arriva luglio e per la tua squadretta arrivata in Serie A da poco i soldi per il mercato sono pochi, e vanno quindi dosati, centellinati per portare a casa dei talenti che facciano un gran campionato ed eventualmente poi plusvalenza a fine anno, per poi ricominciare il circolo vizioso degli acquisti per fare plusvalenza.

Adocchi un centrocampista centrale, tale Beniamino Barelli (nome fittizio) che ha fatto tutto l’anno panchina in una big, provi a visionarlo e va bene, non ha spazio e magari te lo possono tirare dietro, richiedi informazioni alla sua squadra e BOOM! 15 milioni non dilazionabili, senza “se” e senza “ma”, prendere o lasciare; e così desisti perchè non puoi permettertelo. Il giorno dopo stai pur certo che Beniamino Barelli se n’è andato all’estero per non più di 2,5 milioni dilazionati nell’arco di almeno un milione di anni, e tu non potevi permettertelo perchè FM ha deciso così.

9. L’INFORTUNIO ALL’ESORDIO

Alla fine ce l’hai fatta: hai dato fondo all’intero tuo budget ma dopo tre mesi di contrattazione sei riuscito a portare Pogba alla tua corte, e già pregusti una stagione pirotecnica: campionato, coppa di lega e Champions ora non sono un’utopia, non con la squadra che hai costruito, di cui il Francese è la colonna portante.

Dopo una presentazione in pompa magna è il momento dell’esordio, e dopo neanche mezz’ora Pogba ha già segnato… ma il pericolo è dietro l’angolo, ti distrai un attimo e trovi lo sconfortante messaggio “Paul Pogba infortunato. Va sostituito”. Di lì già pregusti il peggio, ma la speranza ti tiene in piedi. Al termine della partita, che per non farti mancar niente perdi in rimonta, leggi il bollettino del fiseoterapista.

Frattura della tibia, stop dai 6 agli 8 mesi. Con ogni probabilità se avessi davanti a te l’autore del fallo, indipendentemente se sia un agnellino come Kakà o un osso più duro come Medel, lo abbatteresti a testate.

8. IL REAL MADRID DI TURNO

Sei davvero soddisfatto dei tuoi ragazzi. Nella scorsa stagione avete raggiunto un’onesto posizionamento a metà classifica contro tutti i pronostici che vi davano per spacciati, e il presidente ha aperto il portafoglio e messo a disposizione un bel gruzzoletto.

La tua specialità è andare a nozze coi fichi secchi, e con uno scouting da far impallidire Pozzo stai spulciando l’intero Sudamerica, e alla fine lo trovi: 16 anni, delle skills già paurose e soprattutto 5 stelle di potenziale, è l’uomo che scalzerà Messi dal trono del Mondo. Gioca nel proverbiale campo di patate brasiliano, e per convincere il club ti bastano pochi spiccioli.

Stai contrattando con il giocatore, che pur di venir a giocare in Europa venderebbe sua madre, quando in posta arriva il fulmine a ciel sereno. Il Real Madrid ha pareggiato l’offerta. Sai già che qualsiasi cosa tenterai di fare sarà inutile, in barba a qualsiasi accordo di massima già trovato il ragazzo sceglierà i blancos, lasciandoti con un pugno di mosche.

Per la cronaca, 9 volte su 10 in Spagna farà la muffa in panchina, se non nella squadra B, prima di andarsene a 0 con le skills che non sono salite di un solo punto.

7. LE PARTITE ONLINE

Quante volte ci siamo lamentati di come nelle nostre carriere ogni tanto tutto sia troppo “casuale”? Partite dominate sotto ogni punto di vista ma perse per l’unico tiro in porta avversario, attaccanti di razza che cercano di finire su Mai Dire Gol per gli errori che fanno, e chi più ne ha più ne metta. Ma riflettendoci ci sta, la palla è rotonda e anche nel calcio vero possono accadere cose del genere.

Ma quando vai a giocare online, e più precisamente nella modalità Versus, ti si aprono le porte dell’inferno. Ci sono momenti in cui il calcio balilla ha una maggiore profondità tattica: difensori in attacco quando la filosofia è su “difensiva”, lanci alla viva il parroco se hai chiesto di dare la palla sui piedi, tattiche che non sono tattiche come un catenacciaro 0-0-10 che portano anche buoni frutti.

E la cosa triste è che quest’ultima è dannatamente vera.

6. GLI OSSERVATORI

L’estate di calciomercato a Football Manager ti sta facendo perdere l’estate vera con i tuoi amici perchè per te è momento di calciomercato, e per fare i tre mesi estivi del gioco ci metti minimo minimo un mese e mezzo di tempo reale.

Sguinzagli la tua rete di osservatori per trovare il sostituto del tuo centravanti da 50 gol stagionali che hai appena venduto per una cifra spropositata al Manchester United di turno, quando appare il talento messicano dei tuoi sogni, il tuo osservatore conferma: 5 stelle! è un vero fenomeno non puoi non comprarlo.

Decidi allora di ipotecare la casa dei tuoi mettendoci in mezzo pure la comproprietà di tua madre per accaparrartelo e quando arriva il resoconto del tuo vice dice che il messicano che hai appena comprato di stelle ne ha 2, ed allora non puoi fare altro che smadonnare contro i tuoi osservatori che hanno visionato un giocatore mentre erano strafatti di peyote mandando a rotoli i piani per la tua stagione.

5. GLI INFORTUNI A CATENA

Stai entrando nel momento topico della stagione, hai lo scontro diretto con la prima in classifica, il derby e gli ottavi di Champions tutti di fila, la rosa al completo dovrà dare il 110%. In settimana il primo campanello d’allarme: tegola per il terzino destro di riserva, un paio di settimane di stop; vabbè, il titolare potrà rifiatare di meno, ma è una perdita alla quale possiamo sopperire…E invece no.

Perchè Football Manager è il primo gioco in cui una distorsione è contagiosa. Nel giro di una settimana l’infermeria si riempie, e lo spettro dei Milan Lab si abbatte su un giocatore alla volta, senza badare ad età, ruolo, o titolarità. È così che ti ritrovi a giocare il derby con in campo due primavera e quel giocatore che volevi vendere ma non si cagava nessuno e l’hai sbattuto a marcire tra le riserve, mentre in panchina riesci a portarne appena cinque, tra cui tre portieri.

Ovviamente uscirai da quella serie di partite con le ossa più rotte del tuo bomber, che intanto è stato costretto ad amputarsi la gamba.

4. IL BALOTELLI DELLA SITUAZIONE

E’ sempre il solito discorso: alla fin fine Football Manager si basa soprattutto sui talenti che scopri in giro per il mondo, alcuni dei quali cerchi di prenderli molto giovani, se hanno 16 anni e dimostrano buon potenziale l’investimento vale la pena e per qualche spicciolo ti puoi creare il giocatore che vuoi, allenarlo come preferisci e nel ruolo che ritieni più opportuno.

Ad un certo punto ti renderai conto di essere un padre per quel ragazzino che ti stai coccolando, ma un buon padre sa che non sempre il figlio risponde alle aspettative e spesso accade che quel ragazzino che hai pagato almeno 1 milione quando aveva 16 anni in realtà non ha voglia di fare niente ed anzi probabilmente si fuma le canne dopo l’allenamento nascosto da te che intanto speri in lui per diventare il nuovo Neymar.

Ma prima o poi dovrai rassegnarti che di Neymar il tuo figlioccio ha soltanto la cresta e l’essenza del bimbominkia fino al giorno in cui lo venderai, ormai 25enne alla Pro Patria per 5 mila euro, o peggio lo svincolerai a fine contratto.

3. IL PRESIDENTE PROTAGONISTA

Quante volte sarà capitato: alla fine di una stagione trionfale, sia che tu abbia fatto il triplete sia che tu abbia raggiunto la seconda promozione consecutiva, a Giugno il presidente ti guarda con un ghigno malefico e, sproloquiando di tasse e stangate UEFA, ti allunga un budget che assomiglia molto alla paghetta che ti dava tua nonna a 12 anni, distruggendo i tuoi sogni di mercato. A quel punto sono inevitabili le offese irripetibili al patron e le conseguenti dimissioni.

Ma non è il peggio che ti può capitare. E lo sai bene, quando per tutta l’estate sei riuscito a tenere il tuo enfant prodige lontano dalle sirene dei top club, promettendogli uno stipendio con svariati zeri e un futuro ricco di trofei. Sei arrivato ormai alle ultime due ore di mercato, rifiutando offerte faraoniche ma sentendoti a posto con te stesso; solo allora arriva lo sceicco che mette sul banco qualche decina di Milioni, e prima che tu abbia il tempo di dire “No” il presidente accetta per conto tuo, e il baby fenomeno, in lacrime, prepara le valigie.

Qui non bastano le dimissioni, no: la furia omicida ti assale, cerchi il profilo twitter del presidente e inizi a riempirlo di insulti senza nemmeno degnarlo di una spiegazione, ma nel profondo sai che è giusto così.

2. I DISEGNI ASTRALI DI FM

Ci sono alcune partite nel calcio che vengono definite maledette: quelle per intenderci in cui una squadra attacca alla morte ma sbatte contro la sfortuna e contro il portiere avversario in giornata di grazia.

Anche FM da la sua versione di queste partite, che quando ti ritrovi a giocarle vorresti buttarti dal terzo piano di casa tua, perchè è vero che può capitare di non vincere nonostante i milioni di tiri verso la porta avversaria, ma quando si parla di Football Manager la cosa si trasforma in una partita da 40 tiri in porta contro i 2 della squadra avversaria, con il portiere ospite che avrà in pagella 9.8, tre legni, tre gol annullati per fuorigioco il più delle volte inesistenti, minimo 5 azioni a tu per tu con il portiere, ma soprattutto il gol degli avversari che di solito arriva nei primi minuti o proprio agli ultimi, e di solito non è un gol ma un autogol del tuo difensore più forte, oppure il portiere che la tira addosso all’attaccante.

Ma c’è poco da fare: Football Manager ha deciso che devi perdere, e tu non puoi fare altro che chiamare in causa tutte le alte cariche dello staff dirigenziale del Paradiso per chiedere colloquio con Dio persona per dirgli quel che pensi di lui….ah dimenticavo, mentre perdevi la partita maledetta eri primo in classifica, e la seconda sicuramente ti ha superato battendo 15-0 il Bayern Monaco!

1. IL CRASH

La madre di tutte le cose che possono capitarti e che ti fanno bestemmiare come un pazzo scatenato. Stai giocando 15 ore di fila al giorno nelle quali hai negato la tua presenza a tavola ai genitori, abbandonato il cane in giardino tra i suoi bisogni fino al collo, la tua ragazza ha cominciato a contattare “Chi l’ha visto?” perchè non ti vede da due settimane, i tuoi amici hanno fatto un altare per commemorarti al vostro bar preferito perchè non ti vedono almeno da 4 mesi perchè tu sei chiuso in camera col tuo pc ed hai in mente la tua missione: portare il Tuttocuoio sulla vetta d’Europa. Sono passate due settimane ininterrotte di gioco nelle quali hai dormito due ore a notte, ma finalmente è ora della finale di Champions League Barcellona – Tuttocuoio: appuntamento da non perdere per la quale ti sei addirittura messo il gessato come se fossi davvero a bordo campo per viverla coi tuoi ragazzi.

Hai abbassato le tapparelle, siete soltanto tu, il tuo pc ed il buio, poi ad un tratto inizia la partita ed al decimo minuto il tuo pc non da segni di vita, bloccato: cinque minuti di bestemmie varie nella speranza che si riprenda perchè le squadre sono in campo e tu devi portare la prima Coppa dalle grandi orecchie al Tuttocuoio.

Poi il pop-up e la scritta “ERROR”, la più temuta dai fans di Football Manager: in quei casi non serve a niente bestemmiare e smadonnare, perchè la colpa non va ricercata nell’alto dei cieli, ma è tutta tua perchè puoi essere l’allenatore migliore del mondo, ma se non salvi a FM queste cose capitano spesso, volentieri e sempre nel momento peggiore…e tu sei un po’un co****ne!