Qualche giorno fa Robert Lewandowski, il bomber polacco del Bayern Monaco, è entrato di prepotenza nella storia del calcio segnando, da subentrato, una cinquina...

Qualche giorno fa Robert Lewandowski, il bomber polacco del Bayern Monaco, è entrato di prepotenza nella storia del calcio segnando, da subentrato, una cinquina in 9 minuti di gioco al malcapitato Wolfsburg. 

E segnare 5 reti è un’impresa che, normalmente, ti proietta di prepotenza nell’Olimpo del calcio. Abbiamo provato a ripercorrere la storia del pallone per recuperare le performance dei giocatori che hanno segnato cinque gol in una partita di un certo livello. Lewandowski escluso, ovviamente.

Gerd Muller

Tra il 1972 e il 1976, il panzer tedesco di cinquine ne mise a segno ben quattro. Considerato, a ragione, uno dei migliori attaccanti della storia del calcio e il più forte centravanti della storia del calcio tedesco, Muller mise a segno, in carriera, oltre 730 gol. Nelle coppe europee, suo terreno principale di conquista, mise a segno, con la maglia del Bayern Monaco, 69 reti in 77 presenze. Insomma, le cinquine di Gerd Muller non possono assolutamente essere considerate una casualità.

Leo Messi – (Barcellona-Bayer Leverkusen 2011/12)

Chi poteva essere il primo a segnare 5 gol in una partita di Champions League? Un alieno, ovviamente. E’ il ritorno degli ottavi di finale della Champions League 2011/12, e al Camp Nou arriva il Bayer Leverkusen. I tedeschi torneranno con 7 reti sul groppone per il 7-1 finale che li sbatte fuori, ovviamente, dalla competizione. Il fenomeno argentino mette a segno le sue 5 reti in tutta tranquillità dal 25′ all’ 85′ e e va a prendersi il meritatissimo record.

Luiz Adriano (BATE Borisov-Shakhtar Donetsk 2014/2015)

Il record di Leo Messi però resta solitario solo per qualche anno. Si, perchè lo scorso anno Luiz Adriano, il neo acquisto del Milan, va ad eguagliarlo segnando 5 reti con la maglia degli ucraini dello Shakhtar in casa del BATE Borisov (bella roba i preliminari con i campioni nazionali, signor Platini…) in una rotonda vittoria per 7-0.

Quattro dei cinque gol segnati dal brasiliano arrivarono nei primi 45′, e anche quello fu un record per la competizione europea.

Cristiano Ronaldo

Sono due i pokerissimi messi a segno dal portoghese nella Liga, entrambi nel 2015. Nella scorsa stagione, il portoghese infilò per cinque volte la porta del Granada (i primi 3 gol arrivarono nei primi 8 minuti…) in una partita in cui il Real, di reti, ne mise a segno addirittura 9. Invece, qualche settimana fa, CR7 si è ripetuto segnando 5 gol nella vittoria delle Merengues contro l’Espanyol, rispondendo così alle critiche di chi lo accusava di non aver segnato nemmeno un gol nelle prime 4 partite stagionali. Insomma, le difese della Liga però forse non fanno testo.

Oleg Salenko – (Russia-Camerun, USA 1994)

Qui si fa la storia dei Mondiali. Sono i Mondiali statunitensi, quelli che tutti noi italiani vorremmo dimenticare. Anche la partita era tutt’altro che indimenticabile, con Russia e Camerun praticamente fuori dai giochi.

E invece la partita passa alla storia del calcio per la prima cinquina segnata in una partita dei Mondiali, con la firma di Oleg Salenko, onesta riserva russa ritrovatosi in campo nella partita d’esordio per l’infortunio di Yuran. Con quei 5 gol, e con un rigore alla Svezia, Salenko fu capocannoniere di Usa ’94. E poi di lui si persero le tracce.

Daniel Fonseca (Valencia-Napoli 1992-93)

Valencia-Napoli, Coppa Uefa, si gioca al Mestalla la partita di andata del primo turno della coppa che non c’è più. I partenopei si impongono con un trionfale 5-1, firmato, in toto, dal Tigre Daniel Fonseca.

Era il primo Napoli senza Diego Armando Maradona lì davanti, ma il tridente degli azzurri era di tutto rispetto: oltre a Fonseca, nel tridente maramaldeggiavano Gianfranco Zola e il brasiliano Careca. Ma a passare alla storia, in quella serata di Valencia, fu l’uruguaiano con i denti da coniglio.

Alan Shearer – (Newcastle – Sheffield Wednesday 1999/2000)

Un bomber indimenticabile, un cannoniere romantico: Alan Shearer non poteva mancare in questa speciale classifica.

La stagione è quella 1999/2000, la maglia, non c’è nemmeno bisogno di ricordarlo, quella dei Magpies di Newcastle. Alan Shearer, contro lo Sheffield Wednesday, mette a segno ben 5 reti. E poi corre ad esultare con il braccio alzato, come solo lui sapeva fare. Immortale.

Roberto Pruzzo – (Roma-Avellino 1985/86)

A Roma, se dici “gol”, oltre a Francesco Totti, l’altra possibile risposta è “Roberto Pruzzo”. Siamo nella stagione 1985/86, la partita è Roma-Avellino, 15 febbraio 1986. Roberto Pruzzo quell’anno si porterà a casa anche il titolo di capocannoniere, intanto, all’Olimpico, in quel pomeriggio invernale, l’Avellino si deve inchinare ai 5 gol dell’attaccante giallorosso.

La partita finisce 5-1, per parecchio tempo quell’impresa resterà senza eguali nella storia della serie A.

Miroslav Klose – (Lazio-Bologna 2012/13)

28 anni dopo Pruzzo, l’Olimpico di Roma assiste ad un altra clamorosa cinquina. 5 maggio 2014, si gioca Lazio-Bologna. In campo c’è un tedesco di ferro che non vuole saperne di appendere gli scarpini al chiodo e continua a segnare valanghe di gol. Si, anche cinque nello stesso match.

Stiamo, ovviamente, parlando di Miroslav Klose, che abbatte il Bologna con cinque marcature siglate tra il 22′ del primo tempo e il 16′ del secondo tempo. Vero è che le partite di fine stagione non fanno testo, ma chissà quanti fantallenatori hanno ringraziato Miro per la prestazione…

Defoe, Berbatov, Cole

Chiudiamo con una carrellata sulla Premier League moderna, dove sono stati 3 i calciatori capaci di segnare per ben 5 volte in un incontro.

Il 22 novembre del 2009 Jermain Defoe diventa il terzo calciatore inglese, insieme a Shearer e Cole, capace di realizzare cinque gol in una partita di Premier League. La cinquina arriva tutta nella ripresa del match, che vedeva contrapposti gli Spurs di Defoe al Wigan.

Il 27 novembre del 2010 è invece il turno di Dimitar Berbatov, l’estroso attaccante Bulgaro all’epoca in forza allo United. Vittima sacrificale il Blackburn di Sam Allardyce, che nell’occasione venne travolto per 7-1.

Bisogna tornare al 1995, precisamente al 4 Marzo per avere il primo giocatore inglese in grado di realizzare cinque gol in una partita. A riuscire nell’impresa Andy Cole, attaccante storico del Manchester United che formava una coppia leggendaria con il fratello del gol Dwight Yorke. A subire la furia dell’uragano Cole fu l’Ipswich Town, che in quell’occasione se ne tornò a casa dall’Old Trafford con nove reti sul groppone.