Lautaro Martinez, la ballata del Toro Lautaro Martinez, la ballata del Toro
Quando pensiamo all’Argentina e alle sue danze, la prima cosa che ci viene in mente è il tango. Ballato un po’ dovunque. Per strada... Lautaro Martinez, la ballata del Toro

Quando pensiamo all’Argentina e alle sue danze, la prima cosa che ci viene in mente è il tango. Ballato un po’ dovunque. Per strada o in quelle balere di Buenos Aires dall’atmosfera spesso malinconica e drammatica oltre che carica di passione e sensualità.

Corpo ed anima che si mischiano, fino a creare la magia. Il tango è famoso in tutto il mondo ed in questi giorni c’è un altro argentino che si sta facendo conoscere agli occhi dell’intero pianeta. Di professione fa il calciatore, gioca centravanti nella Nazionale “Albiceleste” ed il suo nome è Lautaro Martinez. 

Lautaro come scritto dietro la maglietta, perché Martinez in Argentina è un cognome troppo comune, durante la Copa America che si sta disputando in Brasile sta facendo definitivamente vedere e capire a tutti di che pasta realmente sia fatto. Si è caricato un’intera nazione sulle spalle, fatto tutt’altro che scontato se si gioca in una squadra dove sono presenti giocatori come Messi, Aguero e Di Maria. Non ancora ventiduenne non ha certo paura delle responsabilità

Due le reti messe a segno nella manifestazione fino a questo momento, quella decisiva per il passaggio del girone contro il Qatar e quella che ha aperto le marcature nella vittoria per due a zero dell’Argentina contro il Venezuela nei Quarti di Finale. Gol pesanti e per niente banali che hanno permesso alla sua squadra di giocare la prossima semifinale contro gli acerrimi nemici brasiliani. 

Il gol contro il Venezuela è stato un vero e proprio colpo di classe, una magia. Realizzata con il tacco dagli sviluppi di un calcio d’angolo e di una susseguente mischia nell’area venezuelana. Lautaro Martinez da Bahia Blanca si sta dimostrando essere uno straordinario centravanti, in grado di lottare facendo a sportellate con le difese avversarie per tutto il tempo e di mantenere comunque la giusta lucidità in fase offensiva. 

La stampa argentina ne sta esaltando le doti e le caratteristiche che lo stanno rendendo idolo di un popolo intero che è alla ricerca di un successo che manca dal lontano 1993. Immagini al miele anche per la nuova Inter di Antonio Conte che sicuramente non vorrà prescindere da un calciatore che per attitudini sembra essere perfetto per il calcio del tecnico leccese. 

I due gol segnati durante la Copa America fanno del centravanti nerazzurro il miglior marcatore della propria nazionale sotto la nuova gestione del Tecnico Lionel Scaloni. Sono infatti sei i gol messi a segno in dieci presenze con la maglia della propria Nazionale. 

Soprannominato “El Toro” proprio per la sua attitudine alla lotta e al sacrificio ha giocato in passato con la maglia del Racing de Avellaneda prima di approdare all’Inter la scorsa estate. Con la maglia del “biscione” durante l’ultima stagione ha avuto la possibilità di mettersi in mostra soprattutto durante la seconda parte della stagione, quando complice l’assenza forzata di Mauro Icardi, ha avuto la chance di mostrare le proprie qualità in maniera più continua. Tanto da diventare quasi immediatamente uno degli idoli dei tifosi nerazzurri. 

Anche in Argentina ha piano piano scalato le gerarchie, diventando nelle ultime partite un punto di riferimento per i propri compagni oltre che titolare fisso della Nazionale. Nell’attesa della semifinale contro il Brasile, per tentare di scrivere un altro pezzettino di storia, in una delle partite da sempre più affascinanti del panorama calcistico mondiale. 

Il tango argentino e la samba brasiliana, due danze diverse, due tradizioni diverse, due modi di stare al mondo completamente differenti tra di loro, provenienti da quella terra, da quel Sud America che sa regalare attimi di emozioni con pochi eguali al mondo. 

Lautaro Martinez non avrà certamente intenzione di smettere proprio ora, proprio sul più bello. Adesso che ha iniziato la sua personale scalata verso la gloria ed il successo e verso quel titolo da regalare al proprio popolo. 

E’ per questo che i brasiliani padroni di casa dovranno fare molta attenzione alla personalissima, intima ed emozionante Ballata de El Toro. 

Raffaello Lapadula
twitter: @RafLapo

Related Posts

La partita fenomenale di Lautaro Martinez contro il Messico

2019-09-11 07:45:53
delinquentidelpallone

18

Lisandro Martinez non sta facendo rimpiangere de Ligt

2019-08-15 07:59:56
delinquentidelpallone

18

Lautaro Martinez ha spiegato come il basket lo aiuti nel calcio

2019-04-27 09:23:56
delinquentidelpallone

18

Josef Martinez potrebbe aver inventato il rigore perfetto

2018-11-16 14:26:18
delinquentidelpallone

18

Il primo gol di Lautaro Martinez con la maglia dell’Inter

2018-07-14 18:55:46
delinquentidelpallone

18

Lo strano caso di Jackson Martinez

2018-03-01 18:55:02
delinquentidelpallone

18

Lautaro Martinez ha cominciato la Copa Libertadores con il botto

2018-02-28 10:06:48
delinquentidelpallone

18

Le 5 squadre di culto dell’Europa 2019/20

2019-09-19 10:39:58
delinquentidelpallone

8

Il Real Madrid deve ritrovare la sua anima

2019-09-19 08:21:23
delinquentidelpallone

8