La scalata verso la gloria: i quarti di finale di Russia 2018 La scalata verso la gloria: i quarti di finale di Russia 2018
Andati in archivio gli Ottavi di Finale, sono otto le squadre rimaste in corsa per aggiudicarsi la Coppa, sei rappresentanti europee (Francia, Svezia, Russia,... La scalata verso la gloria: i quarti di finale di Russia 2018

Andati in archivio gli Ottavi di Finale, sono otto le squadre rimaste in corsa per aggiudicarsi la Coppa, sei rappresentanti europee (Francia, Svezia, Russia, Croazia, Inghilterra e Belgio) e due nazionali sudamericane (Uruguay e Brasile).

Non sono mancate certamente le sorprese ed i colpi di scena nel turno precedente, come la clamorosa eliminazione della Spagna per mano della Russia o l’incredibile rimonta del Belgio ai danni del Giappone.

Ora però andiamo ad analizzare nel dettaglio il quadro completo degli accoppiamenti per i Quarti di Finale:

Uruguay – Francia

Forse la più bella ed incerta partita di tutto il tabellone. Uruguay e Francia per quanto dimostrato sino a questo momento potevano essere due serie candidate alla vittoria finale, ma solo una delle due rimarrà in corsa. L’Uruguay negli Ottavi di Finale ha eliminato il Portogallo di Cristiano Ronaldo, grazie alla doppietta del “Matador” Edinson Cavani. Proprio lui, l’asso del Paris Saint Germain, potrebbe però saltare la sfida con i transalpini per un infortunio rimediato nel finale dalla partita contro i portoghesi.

Questo sarebbe un problema non da poco per la Celeste del maestro Tabarez che si dovrebbe snaturare dal suo solito 4-4-2 oppure inserire Stuani per sostituire Cavani. Nella sfida contro i lusitani, l’Uruguay ha confermato di essere una squadra assai quadrata e solida e con i due fuoriclasse la davanti, capaci di far male in qualsiasi momento. La difesa, comandata dal “Flaco” Godin ha praticamente annullato uno come Cristiano Ronaldo, a centrocampo hanno giocato una partita su livelli assoluti i due “italiani” Torreira e Bentancur. Gli uruguaiani, partiti a fari spenti, tra lo scetticismo generale degli addetti ai lavori, stanno sempre più ritagliandosi un ruolo ed una posizione di primissimo ordine all’interno della competizione.

La Francia dal canto suo, ha strapazzato l’Argentina nel turno precedente. E’ esplosa definitivamente la stella abbagliante di Kyilan Mbappé che ha disintegrato praticamente da solo tutto il centrocampo e la difesa Albiceleste. I Transalpini trascinati dalla corsa, dalla fatica, dall’abnegazione e dall’altruismo di N’Golo Kantè, hanno proprio nel centrocampo, al momento, il loro reparto migliore. Nella partita precedente si è rivisto su buoni livelli anche Paul Pogba che se continuasse nel suo percorso di crescita, potrebbe rivelarsi un fattore determinante per Deschamps e i suoi. Fare un pronostico risulta essere praticamente impossibile, spetterà al campo, come sempre, la risposta definitiva.

Brasile – Belgio

I brasiliani continuano ad essere la favorita per la vittoria finale. La squadra allenate da Tite, al momento sembra non avere punti deboli. Il cambio del Brasile sembra essere proprio a livello filosofico. Accantonato il “futbol bailado” e la presenza tra i titolari di giocatori propensi solo alla fase offensiva. I verdeoro stanno fondando le loro fortune su una difesa impenetrabile e su un centrocampo roccioso, risultando essere una squadra difficilmente attaccabile. Ad onor del vero nella partita contro il Messico delle sbavature ci sono state, ma i messicani non sono mai stati bravi a sfruttarle.

Per ciò che concerne il Belgio, invece, è chiaramente la squadra che è uscita più ridimensionata dagli Ottavi di Finale. Malissimo per settanta minuti, gli uomini di Martinez sono sembrati non trovare mai le giuste distanze tra i reparti in campo, con un modulo troppo sbilanciato. I giapponesi sono stati bravissimi ad approfittarne e a portarsi in vantaggio di due gol.

Poi è arrivata la rimonta con un po’ di fortuna ed un po’ di complicità e mancanza di malizia da parte dei giapponesi, il Belgio è riuscito a ribaltare il match e ciò potrebbe dare la giusta carica ed attenzione per affrontare una sfida complicata come quella contro il Brasile, fermo restando che i dubbi per quanto visto nella sfida precedente, rimangono invariati. Il pronostico al momento pende nettamente a favore del Brasile, anche se questo Mondiale ci ha già insegnato che le sorprese sono sempre dietro l’angolo e di conseguenza il Belgio potrebbe ribaltare tutti i pronostici.

Russia – Croazia

I padroni di casa dopo aver superato il girone sembravano aver ottenuto già il massimo. Poi invece è accaduto l’impensabile, l’imponderabile negli Ottavi di Finale e gli uomini di Chercesov sono riusciti ad eliminare addirittura la Spagna e a guadagnarsi così l’accesso ad uno storico Quarto di Finale.

La Russia è una Nazionale onestamente modesta sotto l’aspetto tecnico ma commovente per dedizione ad applicazione in fase difensiva. Questo modo di interpretare la partita, potrebbe creare non pochi problemi pure alla Croazia che ha già sofferto tantissimo, nel turno precedente, contro una squadra per certi aspetti simili come la Danimarca. Se i croati si trovano tra le migliori otto squadre del mondo, buona parte del merito spetta al portiere Subasic, capace di neutralizzare tre tiri dal dischetto alla lotteria dei calci di rigore contro i danesi.

La Croazia però dopo aver superato un momento difficile nella scorsa partita, potrebbe riprendere la marcia che complice un tabellone non proprio impossibile, potrebbe riservargli un posto al sole nella finale del quindici luglio. Sarà una partita nella quale il pronostico penderà dalla parte dei balcanici, ma i russi certamente vorranno continuare altresì a sognare e faranno di tutto per proseguire nel loro strabiliante viaggio.

Svezia – Inghilterra

La Svezia è la squadra, sotto l’aspetto tattico, più complicata da affrontare fino a questo momento nel Mondiale. Gli scandinavi sono difficilmente attaccabili con le loro due linee strette di quattro, si difendono praticamente in venti/venticinque metri. La loro non è una difesa ad oltranza, nelle quattro partite disputate fino a questo momento, hanno sempre trovato il modo di offendere, superando quasi sempre i diretti avversari per numero di occasioni da gol costruite.

Potrebbe essere arrivato il momento di eliminare la Svezia dalla categoria “sorprese” ed iniziare a prendere seriamente i vichinghi che hanno tutte le carte in regola per mettere in difficoltà anche l’Inghilterra. Gli inglesi, invece, sono reduci da un’estenuante sfida contro la Colombia, decisa ai calci di rigori. Il successo arrivato dai tiri dal dischetto è stato il primo per la Nazionale inglese dal 1990 ad oggi. La partita nel complesso è stata brutta e scorbutica, senza un vero e proprio padrone.

La squadra di Southgate nel prossimo match dovrà cercare un modo efficace per scardinare la solida difesa scandinava, compito questo tutt’altro che semplice ed agevole, soprattutto se si pensa alla grande forza svedese sui palloni aerei che è stato, allo stesso tempo, un dei maggiori punti di forza degli inglesi in fase offensiva. Una partita sulla carta scontata che però potrebbe rivelarsi una vera e propria trappola per la Nazionale dei tre leoni.

Ancora poche ore e poi finalmente sapremo chi saranno le quattro squadre che si giocheranno la vita nelle semifinali. Otto squadre, quattro partite nel prossimo turno. La scalata verso la gloria è ancora lunga, ma a questo punto, potete giurarci, nessuno, ma proprio nessuno vorrà smettere di sognare sul più bello.

Raffaello Lapadula
twitter: @RafLapo