Ieri sera si è completato il quadro delle quattro semifinaliste che si contenderanno la Champions League: da una parte si affronteranno Barcellona e Liverpool,...

Ieri sera si è completato il quadro delle quattro semifinaliste che si contenderanno la Champions League: da una parte si affronteranno Barcellona e Liverpool, mentre dall’altro lato del tabellone due grandi sorprese, l’Ajax e il Tottenham.

Gli Spurs hanno conquistato la qualificazione al termine di una sfida epica, in cui il VAR, introdotto quest’anno, è stato grande protagonista.

Gli arbitri infatti – in cabina c’era l’italiano Irrati – prima hanno convalidato il gol del 4-3 segnato da Llorente, rivisto per un probabile fallo di mano, e poi nel finale hanno annullato il gol qualificazione al Manchester City, per un fuorigioco sfuggito in diretta.

Pep Guardiola, a fine partita, si è lasciato andare a una piccola polemica nei confronti della tecnologia.

“Sono favorevole al VAR, ma il gol di Llorente visto da un lato è fallo di mano, visto dal lato dell’arbitro non lo è, non so come funzioni”.

Guardiola poi ha commentato così la partita:

E’ un risultato crudele, ma è andata così. Dobbiamo accettarlo. È stata una partita gradevole da vedere per tutti. Abbiamo lottato per 180 minuti. Dopo 20 minuti eravamo avanti 3-2″.

In ogni caso l’allenatore del City ha anche riconosciuto i meriti del Tottenham:

“Abbiamo giocato sicuramente meglio il secondo tempo, creando tante occasioni da gol. Ma ne abbiamo sbagliate parecchie e siamo stati puniti. Eravamo riusciti a segnare i gol che ci sevivano, ma è finita male. Congratulazioni al Tottenham, gli auguro buona fortuna per le  semifinali”.