Ieri il Chelsea ha perso per 2-0 contro l’Arsenal una partita che poteva dire molto sulle ambizioni di grandezza della squadra di Sarri. Ancora...

Ieri il Chelsea ha perso per 2-0 contro l’Arsenal una partita che poteva dire molto sulle ambizioni di grandezza della squadra di Sarri.

Ancora una volta però, come già successo in altre occasioni, i Blues hanno giocato una partita senza carattere e determinazione, come sottolineato anche dall’ex tecnico del Napoli al termine della partita.

Sarri ha sottolineato come sia inaccettabile un atteggiamento del genere, uguale a quello mostrato nella sconfitta contro il Tottenham, e ha rincarato la dose dicendo che il suo è un gruppo difficile da motivare, che non possiede la determinazione necessaria per vincere questo tipo di sfide.

Non si è scagliato contro i singoli però, come invece ha fatto Rio Ferdinand nella sua disamina da opinionista.

L’ex difensore dello United in particolare se l’è presa con Jorginho, uno dei pretoriani di Maurizio Sarri che ha seguito proprio l’allenatore nel passaggio dal Napoli al Chelsea.

Queste le dure parole rivolte da Ferdinand nei confronti del centrocampista del Chelsea e della Nazionale italiana: “È un giocatore che non serve a niente, nè in difesa nè in attacco. Anche contro l’Arsenal, un altro top club, è stato inadeguato in mezzo al campo, non corre e non aiuta in fase difensiva. È bravo a dettare il ritmo quando ha la palla tra i piedi anche se in tutta la stagione non ha mai fatto un passaggio decisivo in oltre 2000 tentati“.

Parole non certo di circostanza rivolte ad uno di quelli che ad inizio stagione sembrava poter essere un ingranaggio fondamentale nello sviluppo del “Sarri ball” e che invece sta attirando numerose critiche tra gli addetti ai lavori.

Non solo per il suo rendimento deficitario ma anche perché la presenza di Jorginho ha imposto uno spostamento laterale, in posizione di mezzala, di N’Golo Kante, secondo molti penalizzante per le caratteristiche del francese.

Staremo a vedere se il Chelsea e Jorginho sapranno risollevarsi da questo periodo di appannamento che potrebbe compromettere in maniera significativa la posizione in classifica: i Blues sono al momento quarti ma proprio l’Arsenal si è avvicinato a sole 3 lunghezze di distanza.