La partita più delinquenziale della storia del calcio? La partita più delinquenziale della storia del calcio?
Certe volte il calcio sa sorprenderti come poche cose al mondo. Hai delle certezze, delle sicurezze? Il calcio può prenderle e ribaltarle in un... La partita più delinquenziale della storia del calcio?

Certe volte il calcio sa sorprenderti come poche cose al mondo.

Hai delle certezze, delle sicurezze? Il calcio può prenderle e ribaltarle in un istante. Prendete questa partita, direttamente dai Mondiali del 1974.

Una partita che potremmo tranquillamente considerare come una delle più delinquenziali della storia del calcio. (Se la combatte con Portogallo-Olanda del 2006, di cui potete leggere qui…)

Di fronte, Olanda e Brasile. Sono il Brasile campione in carica, quello che giocava un gran calcio. E la nazionale più bella mai vista su un campo verde, l’Olanda del calcio totale di Cruijff.




Da queste due squadre, in fondo, vi aspettereste spettacolo, divertimento, gioia di vivere. No, in quella partita del 3 luglio del 1974, giocata a Dortmund, non ci fu nulla di tutto questo. Nemmeno per sbaglio.

Era l’ultima partita della seconda fase a gruppi, che avrebbe promosso in finale le due prime dei mini gironi. Olanda e Brasile erano appaiate a quattro punti, ma la differenza reti, in caso di arrivo a pari punti, avrebbe premiato i tulipani.

La partita comincia sul filo della tensione, e su quel filo prosegue, senza sosta. Godetevi una clip, ad alto tasso di delinquenza, con tutti i calcioni e i fallacci più belli di quel giorno. Una collezione di giocate che, al giorno d’oggi, costerebbero ai protagonisti in campo una collezione di cartellini rossi, ma che a metà anni ’70 era gentilmente tollerata dagli arbitri…

Per la cronaca, fu l’Olanda a spuntarla, grazie alle reti di Neeskens, al 50′, e di Cruijff, al 65′. Due reti che mandarono l’Olanda alla finalissima, quella poi persa contro la Germania Ovest, mostrando forse l’inizio di partita più bello mai visto in una finale dei Mondiali.

Il brasiliano Luis Pereira pagò, nel finale, con il cartellino rosso, riuscendo poi anche a prendere questioni con il pubblico, uscendo dal campo.

Se volete, dopo aver fatto scorta di calcioni, potete godervi anche i gol e gli highlights di Olanda-Brasile.

Le formazioni di questo storico – e delinquentissimo – match.

Olanda: Jongbloed – Suurbier, Haan, Rijsbergen, Krol – Jansen, Van Hanegem – Neeskens (40′ st Israel) – Rep, Cruijff, Rensenbrink (22′ st de Jong).

Brasile: Leao – Zè Maria, Mario Marinho, Luis Pereira, Francisco Marinho – Carpegiani, Rivelino, Paulo Cesar (16′ st Mirandinha) – Valdomiro, Jairzinho, Dirceu.