Martin Ødegaard, considerato uno dei talenti emergenti del calcio europeo, è passato in prestito a Gennaio dal Real Madrid all’Heerenveen. I Blancos lo avevano...

Martin Ødegaard, considerato uno dei talenti emergenti del calcio europeo, è passato in prestito a Gennaio dal Real Madrid all’Heerenveen. I Blancos lo avevano acquistato nel 2015 superando la concorrenza di vari club europei ma il giocatore si era spesso allenato con la seconda squadra riuscendo a collezionare 1 sola presenza in prima squadra.

Da qui la decisione di mandarlo in prestito per 18 mesi, con la speranza di fargli acquisire esperienza, seppur in un campionato meno competitivo come quello olandese.

Fino a qui niente di strano, operazione di prestito come se ne vedono milioni in ogni sessione di mercato se non fosse per una clausola molto particolare che il Real Madrid ha voluto inserire nel contratto di prestito.

L’indiscrezione arriva dal quotidiano iberico El Confidencial, secondo cui i Blancos guadagnerebbero circa 40.000 euro per ogni partita in cui il talento norvegese non mette piede in campo. Sì, avete capito bene.
Contrariamente a quel che accade di solito, dove i bonus sono elargiti al raggiungimento di tot presenze o gol realizzati, in questo caso l’Heerenveen deve sborsare questa cifra ogni volta che, per qualsiasi motivo che non dipenda da infortuni, deciderà di non mandare in campo il giocatore.

Dal punto di vista del Real Madrid è sicuramente una mossa intelligente, per far sì che il giovane prospetto venga valorizzato ed utilizzato il più possibile.
Per il club olandese, che sta attraversando un periodo in campionato non brillantissimo, le cose sono un po’ meno simpatiche in quanto l’allenatore avrebbe manifestato l’intenzione di non volerlo schierare nelle prossime partite e la società non pare intenzionata a rispettare tale clausola con il club madrileno.

Vedremo come andrà a finire, sta di fatto che al giorno d’oggi i contratti hanno sempre più spesso clausole del tutto peculiari raramente viste in precedenza.