Giovedì si giocheranno le gare di ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League, competizione nella quale sono ancora in gara tutte le squadre...

Giovedì si giocheranno le gare di ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League, competizione nella quale sono ancora in gara tutte le squadre italiane.

L’unica squadra italiana a vincere la partita di andata però è stata il Milan, che si è imposto sul Ludogorets, mentre per le altre sono arrivate solo sconfitte.

Il Napoli in particolare è apparso molto demotivato e più concentrato verso l’obiettivo campionato che non sulla coppa; nella partita contro il Lipsia al San Paolo, nonostante gli azzurri siano passati in vantaggio, sono stati rimontati e sconfitti con il risultato di 3-1 che lascia poche speranze in vista della partita di ritorno.

Partita di ritorno che si disputerà, come detto, giovedì in Germania e per la quale la società partenopea ha fatto una richiesta particolare al Lipsia.

Dato l’ormai noto vizio di Sarri per il fumo, il Napoli ha chiesto di modificare la struttura dello spogliatoio della Red Bull Arena in modo che l’allenatore possa fumare al suo interno, senza attivare i sistemi di rilevazione antifumo.

In pratica si tratta di circoscrivere una piccola area all’interno dello spogliatoio attraverso una parete di cartongesso, nella quale i rilevatori e gli allarmi siano disattivati.

Il Lipsia ha acconsentito alla richiesta della società azzurra e la parete è stata installata prontamente con spese a carico del Napoli, come da accordi.

La società tedesca ha fatto quindi di tutto per venire incontro alle richieste del Napoli, vedremo se giovedì la squadra di Sarri saprà mettere in difficoltà il Lipsia rimontando un passivo piuttosto impegnativo.