Mario Frick, la vie c’est fantastique. Anche in mezzo alla difesa. Mario Frick, la vie c’est fantastique. Anche in mezzo alla difesa.
Mosca, Arena Khimki. E’ l’otto settembre del 2014. Russia e Liechtenstein stanno per scendere in campo per la prima partita di qualificazione agli Europei... Mario Frick, la vie c’est fantastique. Anche in mezzo alla difesa.

Mosca, Arena Khimki. E’ l’otto settembre del 2014. Russia e Liechtenstein stanno per scendere in campo per la prima partita di qualificazione agli Europei del 2016. I capitani si scambiano i gagliardetti delle rispettive nazionali. Il capitano della Russia Vasili Berezutski stringe la mano al suo collega del Liechtenstein.

E’ un uomo grosso, il fisico possente, le spalle larghe. Ha i capelli rasati e il numero 10 sulla schiena. Al braccio, naturalmente, campeggia la fascia di capitano. Le squadre prendono posto in campo, il numero dieci del Liechtenstein va a prendere il suo posto. E’ passato parecchio tempo, ma la faccia è sempre la stessa. Noi, che il calcio lo respiriamo, mangiamo, beviamo, lo riconosciamo immediatamente. E’ Mario Frick, la bandiera del Liechtenstein, il miglior realizzatore della storia della piccola nazionale del principato mitteleuropeo. Quello che ad Arezzo, a Verona, a Terni, a Siena, segnava e incantava. Vabbè, forse ci siamo lasciati trasportare, ma il senso è quello.

Mario Frick, con la sua fascia di capitano e la numero 10 sulle spalle, va a prendere il suo posto in campo. Ma non si ferma sulla linea di centrocampo, nè alle spalle delle due punte. Nossignore, Mario Frick, con la sua fascia di capitano e la numero 10 sulle spalle, va a prendere posto al centro della difesa. La sua nuova casa.

Il suo nuovo posto nel mondo. A quarant’anni suonati, Mario Frick ha capito che non è più tempo di battagliare lì davanti, di fare a sportellate con i difensori avversari. A quarant’anni suonati, Mario Frick ha deciso di prendere il suo mondo, raccogliere la sua carriera e ribaltarla a testa in giù. A quarant’anni suonati, Mario Frick si è reinventato difensore centrale.

Si, perchè quando ami questo gioco, faresti di tutto pur di dare ancora tutto quello che hai in corpo. Per la tua maglia, per la tua nazione, per i tuoi compagni. E allora SuperMario, che oggi gioca in quarta serie, nel Balzers, la sua prima squadra, il suo primo amore, si è messo a disposizione. Ha preso il suo bel numero 10, e lo ha piazzato in mezzo alla difesa. I risultati, come sempre, non saranno eccezionali. Il Liechtenstein continua a battagliare in giro per l’Europa, e a far festa quando racimola un punticino. Ogni tanto, però, può capitare che succeda il miracolo. Come l’ultima volta, quando il Liechtenstein ha battuto 1-0 la Moldavia. Ma Mario Frick, ironia del destino, quel giorno non c’era.

Pazienza. Succederà ancora. Perchè dopo 106 presenze e 21 reti con la maglia del Liechtenstein, oggi Mario Frick vuole continuare a stupire così. Lottando su ogni pallone, battagliando con gli attaccanti avversari, mettendo in pratica quello che ha visto fare ai suoi marcatori sui campi di calcio in tutta la sua carriera. Perchè, come diceva una maglia diventata famosa dopo i suoi gol con la maglia del Verona, La vie c’est fantastique…quando segna Mario Frick. Ma anche quando fa una chiusura difensiva perfetta, la vie sembra essere abbastanza fantastique.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro

Related Posts

Il video con cui Mario Balotelli si è presentato al Brescia

2019-08-18 19:23:54
delinquentidelpallone

18

L’offerta del Flamengo per convincere Mario Balotelli

2019-08-07 07:46:03
delinquentidelpallone

18

Mario Mandzukic non si smentisce mai

2019-07-11 22:34:17
delinquentidelpallone

18

Ivan Kaviedes, una meteora a Perugia

2019-06-25 15:34:32
delinquentidelpallone

18

Erick Pulgar, lo sparviero di Antofagasta

2019-04-24 08:20:16
delinquentidelpallone

18

Mario Balotelli al Brescia?

2019-04-09 13:24:41
delinquentidelpallone

18

Mario Balotelli, ancora

2019-03-05 10:00:19
delinquentidelpallone

18

Mario Balotelli sa sempre come sorprenderti

2019-03-03 20:33:28
pagolo

18

Il consiglio di Javier Zanetti a Mauro Icardi

2019-02-23 16:53:20
delinquentidelpallone

18