La notte da sogno del Sutton United La notte da sogno del Sutton United
Il Gander Green Lane può ospitare circa 5000 spettatori. Non tutti avranno la fortuna di potersi sedere, però, perché di quei 5000 posti, solo... La notte da sogno del Sutton United

Il Gander Green Lane può ospitare circa 5000 spettatori. Non tutti avranno la fortuna di potersi sedere, però, perché di quei 5000 posti, solo un migliaio sono dotati di un seggiolino su cui appoggiare le terga. Gli altri dovranno guardare la partita in piedi, sorseggiando una pinta di birra come di solito succede nei campi della Non-League inglese.

Di solito, al Gander Green Lane, arrivano avversari del calibro del North Ferriby United, del Macclesfield Town o del Boreham Wood, tanto per citare tre squadre a caso della National League, quinta divisione del calcio inglese, in cui milita il Sutton United, squadra che stasera, nel match del quinto turno di FA Cup, si giocherà il passaggio ai quarti di finale contro l’Arsenal.

Tra le due squadre, al momento, ci sono 105 posizioni di distacco nell’ipotetica classifica di tutti i campionati inglesi. L’Arsenal, quarto in Premier League. Il Sutton United, diciassettesimo in National League. Ma stasera quelle 105 posizioni di differenza non conteranno, perché le squadre giocheranno per lo stesso obiettivo e – in linea del tutto teorica- avranno le stesse chance di passare il turno e approdare ai quarti di finale della competizione calcistica più antica del mondo.

Il Sutton United è arrivato qui battendo il Leeds, e da quel momento si sono accesi i riflettori su questa piccola squadra. Due i simboli di questa storia tipica della FA Cup. Quella dell’allenatore, Paul Doswell, che ha pagato di tasca sua i lavori per mettere il sintetico allo stadio del Sutton United e per fare qualche lavoro allo spogliatoio, e che in settimana ha dichiarato di non nutrire particolare simpatia per Arsene Wenger.

E poi, quella più incredibile, quella di Wayne Shaw, portiere di riserva, che nella vita ha fatto il gelataio e che, di tanto in tanto, si prende cura in prima persona del manto erboso del Gander Green Lane. Segni particolari? 45 anni, e un peso forma di 120 chilogrammi. E’ la sua la storia che ha attirato maggiormente l’attenzione, anche perché di storie come la sua non se ne vedono tutti i giorni. Se tutto andrà come deve, rimarrà seduto sulla panchina per tutti i 90 minuti. Ma, sotto sotto, tutti quanti stanno facendo il tifo perchè succeda qualcosa. Un cartellino rosso, un piccolo guaio fisico al portiere titolare, per vedere Wayne in campo.

La notizia degli ultimi giorni riguarda invece un pezzo meccanico, una valvola della caldaia degli spogliatoi del Gander Green Lane. Non c’è tempo per ripararla, l’acqua calda non è assicurata per il postpartita di questa sera. Cose che capitano, sui campi di certe categorie. E, chissà. Magari, con lo zampino del Dio del Football, quella al termine dei 90 minuti potrebbe anche non essere l’unica doccia fredda a cui i giocatori dell’Arsenal potrebbero essere costretti questa sera…

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro

Related Posts

Il capocannoniere della Premier League 2019/20 sarà Teemu Pukki

2019-08-17 15:59:49
delinquentidelpallone

18

Lasse Schöne farà divertire i tifosi del Genoa

2019-08-16 22:58:50
delinquentidelpallone

18

Quando Cristian Pasquato segnò 6 gol con la maglia della Juve

2019-08-14 09:43:05
delinquentidelpallone

18

Le 5 maglie più brutte della stagione 2019/20

2019-08-13 13:02:21
delinquentidelpallone

18

La trollata dell’Ajax per fare gli auguri a de Ligt

2019-08-12 15:12:43
delinquentidelpallone

18

Il precampionato dell’Atalanta non sta andando benissimo

2019-08-10 21:12:38
delinquentidelpallone

18

Il girone H della Serie D è piuttosto interessante

2019-08-09 18:00:58
delinquentidelpallone

18