Pierluigi Gollini, portiere classe 1995 del Verona, è uno degli interpreti più talentuosi tra i giovani del ruolo. Ruolo che, dobbiamo dire la verità,...

Pierluigi Gollini, portiere classe 1995 del Verona, è uno degli interpreti più talentuosi tra i giovani del ruolo. Ruolo che, dobbiamo dire la verità, copriamo piuttosto bene in Italia con diversi giovani di grande prospettiva, a partire dal Donnarumma che si sta mettendo in mostra nel Milan in questi mesi, fino ai più “anziani” (per modo di dire) Sportiello, Leali, Perin, Scuffet e chi più ne ha più ne metta.

Oggi, sulla pagina ufficiale Facebook della Serie A Tim, il portiere dell’Hellas si è prestato a un simpatico giochino che ha stuzzicato la nostra attenzione. Intervistato sul suo futuro e su quello della nazionale, a Gollini è stato chiesto se in un futuro sognasse di prendere parte a un’edizione dei mondiali.

Risposta ovviamente positiva, e per Gollini è scattata la sfida a individuare la papabile nazionale che l’Italia potrebbe schierare ai Mondiali del 2022 (in Qatar, se non succede qualcosa di strano).

Questa la formazione schierata da Gollini, che, ovviamente, per rimanere fedele al proprio sogno, ha deciso di schierarsi in porta. In difesa, a proteggerlo, vede Florenzi e Darmian, mentre al centro piazza Rugani e Romagnoli.

A centrocampo, Marcolino Verratti a comandare le operazioni, insieme a Baselli e, forse un po’ a sorpresa, Bryan Cristante.

Il tridente d’attacco è a tutto talento (anche se forse manca un centravanti puro): Bernardeschi, Insigne, Berardi. Una squadra che, tra sei anni, potrebbe davvero diventare realtà, se i giovani interpreti di questa formazione manterranno a pieno le promesse e proseguiranno nella loro maturazione.

E voi? Che ne dite? Manca qualcuno a questa formazione? Andremo davvero così a giocare i Mondiali del 2022?