Ieri, nel primo match del Boxing Day di Premier League, Big Sam Allardyce ha fatto il suo ritorno in panchina, su quella del Crystal...

Ieri, nel primo match del Boxing Day di Premier League, Big Sam Allardyce ha fatto il suo ritorno in panchina, su quella del Crystal Palace, dopo lo scandalo che gli era costato clamorosamente il posto di CT dell’Inghilterra, dopo nemmeno un paio di mesi dal suo insediamento.

Il tecnico ha raccolto un punto prezioso in chiave salvezza, ma l’attenzione, nel post partita, è andata su un episodio parecchio curioso che ha visto protagonista…la mascotte del Watford. Sì, proprio così, e ora vi spieghiamo cosa è successo.

A fine match, la mascotte del Watford, Harry the Hornet, si è preso gioco di Wilfried Zaha. Il calciatore del Crystal Palace, nel finale, era stato ammonito per simulazione, e la mascotte, a fine gara, si è avvicinata all’avversario e lo ha irriso tuffandosi per terra, replicando quanto successo in campo proprio prima.

Queste le immagini dell’episodio.

A Big Sam, forse visibilmente infastidito dalla rimonta subita (o forse in vena di polemiche con la Football Association, chissà) la cosa non è andata giù, e ha chiesto addirittura la squalifica della mascotte.

Che la loro mascotte abbia fatto questo è una cosa fuori dalla realtà, avrebbe potuto scatenare anche delle reazioni violente da parte del pubblico. Ora spero che La Premier League e la Football Association abbiano visto e prendano i dovuti provvedimenti!

Tutto assolutamente meraviglioso.