La King’s Cup è un torneo meraviglioso La King’s Cup è un torneo meraviglioso
In questi giorni di inizio giugno tornano in campo le nazionali, con le qualificazioni a Euro 2020 e le Final Four di Nations League... La King’s Cup è un torneo meraviglioso

In questi giorni di inizio giugno tornano in campo le nazionali, con le qualificazioni a Euro 2020 e le Final Four di Nations League (che si apriranno stasera con la sfida tra Portogallo e Svizzera).

Ma, dall’altra parte del mondo, c’è un torneo strepitoso, che attira da sempre le nostre fantasie malate: la King’s Cup.

Di cosa stiamo parlando? Di un torneo per nazionali che è organizzato dalla Thailandia, e che ha visto la sua prima edizione nel 1968. La sua particolarità è che le squadre invitate cambiano di anno in anno, e soprattutto che ci partecipano ogni volta squadre da ogni parte del mondo, in un trionfo del caso totalmente strepitoso.

Per esempio, quest’anno sono invitate, oltre alla Thailandia padrona di casa, Curacao, l’India e il Vietnam. L’anno scorso vinse la Slovacchia, che superò i padroni di casa, il Gabon e gli Emirati Arabi Uniti. Nel 2013, per esempio, parteciparono invece, oltre ovviamente alla Thailandia, la Svezia, la Finlandia e la Corea del Nord. Ma nell’albo d’oro ci sono anche la Danimarca, la Romania, il Rotor Volgograd, la squadra dell’esercito della Corea del Sud, il Vietnam del Sud e la rappresentativa del campionato bielorusso…

Insomma, come avete capito non c’è un filo logico ben definito dietro agli inviti, e ogni anno è una sorpresa. Oggi si sono disputate le due semifinali dell’edizione 2019: nella prima, ha trionfato Curacao, che ha battuto 3-1 l’India. Se volete, questi sono gli highlights del match, giocato in uno stadio enorme e praticamente deserto (ma i pochi che c’erano, a giudicare dall’audio, facevano parecchio rumore).

La seconda semifinale, invece, ha visto il Vietnam imporsi sui padroni di casa della Thailandia per 1-0, grazie a un gol segnato addirittura al 95′.

La finale, quindi, vedrà affrontarsi Curacao e Vietnam. Dai, come fate a non appassionarvi alla King’s Cup?

Related Posts