La furia di Gasperini dopo la finale di Coppa Italia La furia di Gasperini dopo la finale di Coppa Italia
La finale di Coppa Italia si è conclusa con la vittoria della Lazio, che con i gol di Milinkovic-Savic e Correa si è imposta... La furia di Gasperini dopo la finale di Coppa Italia

La finale di Coppa Italia si è conclusa con la vittoria della Lazio, che con i gol di Milinkovic-Savic e Correa si è imposta sull’Atalanta.

La partita è stata molto tesa e ha visto parecchi falli e cartellini, anche per la grande tensione e per l’importanza della posta in palio.

Ma un episodio su tutti ha scatenato le polemiche, soprattutto a fine partita: nel corso del primo tempo, quando il punteggio era sullo 0-0, l’Atalanta ha protestato richiedendo la concessione di un calcio di rigore per un fallo di mani di Bastos in area.

Banti non ha giudicato l’episodio da rigore, e non è stato nemmeno richiamato per vedere le immagini al VAR da Calvarese. L’angolano, tra l’altro, era anche già ammonito e in caso di concessione del penalty sarebbe stato probabilmente espulso.

A fine partita l’allenatore dell’Atalanta Gian Piero Gasperini, ai microfoni della Rai, ha visto per la prima volta l’episodio, e si è letteralmente scatenato.

Queste le parole dell’allenatore dell’Atalanta: “Questo è un errore gravissimo. Non l’avevo visto dalla panchina. Banti non mi è piaciuto in tutta la conduzione della partita. Questa è una cosa che cambia completamente tutto quello che è stato fatto in campionato. Non mi ero accorto di questa cosa, è gravissima, non c’è nessuna giustificazione. Si accetta la sconfitta sportivamente, la Lazio è un’ottima squadra, è stata una gara equilibrata, ma questo non è un episodio sano.

Non mi ero reso conto dalla panchina di tutto questo, me l’avevano detto i giocatori, ma pensavo fosse uno di quei falli di mano che vediamo di solito, involontari. Questo rientra in una casistica molto chiara. Ed è una cosa gravissima“.

Un episodio molto discusso, e che immaginiamo continuerà a far parlare di sè anche nei prossimi giorni, soprattutto dalle parti di Bergamo.

Related Posts