La classifica marcatori della SuperLeague cinese è di culto La classifica marcatori della SuperLeague cinese è di culto
Ogni tanto, curiosare in giro nei campionati meno famosi del pianeta, fa decisamente bene. Fino a qualche anno fa, c’era la convinzione che la... La classifica marcatori della SuperLeague cinese è di culto

Ogni tanto, curiosare in giro nei campionati meno famosi del pianeta, fa decisamente bene.

Fino a qualche anno fa, c’era la convinzione che la Chinese SuperLeague, per esempio, fosse pronta ad esplodere: erano arrivati i soldi e gli investimenti, e cominciavano ad arrivare anche giocatori che erano nel pieno della loro carriera, ricoperti da stipendi faraonici.

Sembrava l’inizio di una nuova era, e sembrava che il campionato cinese sarebbe potuto diventare uno di quelli da seguire con attenzione, ma poi, piano piano, negli ultimi anni questa bolla si è un po’ sgonfiata, e complice anche il disimpegno cinese negli investimenti sul calcio, la SuperLeague è rimasta niente più che un campionato nazionale con qualche stella in più, ma non qualcosa che possa impensierire i principali campionati europei.

In ogni caso, molti giocatori europei e sudamericani sono rimasti tra le fila delle squadre cinesi, e ad oggi il campionato è un piccolo culto, con giocatori spariti dai radar ed eroi locali che allietano le partite della Chinese SuperLeague.

E se andiamo a vedere la classifica marcatori di quest’anno, possiamo vedere quanto sia di culto.

Eroi passati dall’Europa e dall’Italia, come Ighalo e Zahavi, che da noi non erano esattamente noti come grandi realizzatori, gente che pensavamo scomparsa in qualche anfratto del mondo tipo Cedric Bakambu, un fenomeno come Talisca, che in 17 partite ha fatto 15 gol (e anche il cavolo che gli pare), quell’idolo di Frank Acheampong, e un rinato Alexandre Pato.

E poi c’è Wu Lei, il calciatore cinese forse più interessante di tutti. Ecco, qui potete gustarvi molti dei suoi 27 gol stagionali, cercando magari di non fare troppo caso ai portieri…

Che dite, non vi è proprio venuta voglia di dare uno sguardo alla Chinese Super League?