Kessié e Bakayoko rischiano grosso per il gesto di scherno nei confronti di Acerbi Kessié e Bakayoko rischiano grosso per il gesto di scherno nei confronti di Acerbi
Ieri sera vi abbiamo ragguagliato del post-partita infuocato di Milan-Lazio, conclusosi con una rissa e con un episodio molto discusso che ha visto protagonisti... Kessié e Bakayoko rischiano grosso per il gesto di scherno nei confronti di Acerbi

Ieri sera vi abbiamo ragguagliato del post-partita infuocato di Milan-Lazio, conclusosi con una rissa e con un episodio molto discusso che ha visto protagonisti Kessié e Bakayoko.

I due giocatori del Milan, al momento di festeggiare con i propri tifosi, hanno esposto la maglia di Acerbi come trofeo, fatto che non è stato per nulla gradito dal difensore biancoceleste, che ha espresso le proprie rimostranze attraverso un post sui social.

Dopo poco sono arrivate le scuse dei centrocampisti rossoneri ma ormai il caso era scoppiato e le polemiche, come prevedibile, non accennano a placarsi.

Di poco fa è la notizia che il capo della Procura federale Pecoraro ha chiesto che le immagini dell’episodio incriminato vengano inviate al giudice sportivo per valutare una possibile prova tv.

In concreto questo significherebbe un rischio di squalifica per i due centrocampisti di Gattuso, con conseguente ripercussione grave sul prosieguo del cammino della squadra in lotta per il quarto posto.

Staremo a vedere quale decisione verrà presa e se verranno tenute in considerazione le scuse dei calciatori coinvolti, arrivate poco dopo il post di rimostranze di Acerbi.

Non è stato l’unico episodio polemico della partita di ieri in quanto, come vi abbiamo detto, anche il direttore sportivo della Lazio Igli Tare ha avuto parecchio da ridire sulla direzione arbitrale di Rocchi e colleghi, a suo dire molto indirizzata verso la squadra di casa.

Insomma un finale di stagione che per quel che riguarda la lotta per il quarto posto si preannuncia più infuocato che mai. Tra le altre cose ricordiamo che Milan e Lazio si riaffronteranno a breve per la semifinale di Coppa Italia e se le premesse sono queste il rischio che possa finire malissimo è molto elevato.