Sembra ormai quasi ufficiale: per giocare nel Real Madrid bisogna quantomeno farsi beffe della legge a ogni piè sospinto. E infatti, dopo la vicenda...

Sembra ormai quasi ufficiale: per giocare nel Real Madrid bisogna quantomeno farsi beffe della legge a ogni piè sospinto. E infatti, dopo la vicenda che ha visto coinvolto Karim Benzema con il pornoricatto ai danni di Valbuena, il 2016 si è aperto all’insegna del fattaccio che ha avuto come protagonista James Rodriguez.

L’attaccante colombiano, infatti, è stato beccato dalla polizia spagnola mentre, a bordo della sua Audi R8, si recava pacatamente e senza fretta a fare allenamento. Velocità di crociera del ragazzo? 200 km/h. La polizia spagnola ha provato, in maniera del tutto vana, a dire ad James di accostare sulla destra, ma il giocatore del Real ha tirato dritto come nulla fosse, seminando la vettura delle forze dell’ordine che provava a stargli dietro.

James è arrivato al centro di allenamento del Real Madrid, seguito a ruota, con distacco abissale, dagli uomini della polizia che hanno poi cercato di entrare nella struttura spiegando alla sicurezza all’ingresso l’accaduto. Respinti con perdite, non si sa come, non si sa perchè, non sono riusciti ad entrare. Il colombiano ora rischia pesante: ritiro della patente, multa, sequestro del mezzo.

Insomma, James Rodriguez ha cominciato al meglio il nuovo anno, tenendo fede al suo soprannome cui è tanto affezionato: el Bandido.