Un giochetto molto in voga in questo periodo è quello delle formazioni ideali di grandi giocatori del passato; si prende un campione, lo si...

Un giochetto molto in voga in questo periodo è quello delle formazioni ideali di grandi giocatori del passato; si prende un campione, lo si intervista e gli si chiede la sua top 11, solitamente composta da ex compagni di squadra.

E quella che abbiamo scoperto oggi girovagando per il web non poteva lasciarci assolutamente indifferenti: abbiamo infatti scovato l’intervista a Jaap Stam e la sua top 11. Corriamo a scoprire quindi la formazione ideale del gigante olandese, scelta appunto tra tutti i suoi ex compagni di squadra. E, si, c’è parecchia delinquenza.

In porta, non poteva mancare Peterone Schmeichel, uno che con Jaap doveva andare parecchio d’accordo. Nel reparto difensivo, sugli esterni si casca abbastanza bene: da una parte Cafu, dall’altra Maldini. Si è visto di peggio. Il primo centrale difensivo è Alessandro Nesta. L’altro? Ovviamente, il buon Jaap sceglie di schierare se stesso. Vai tu a rompergli le scatole.

A centrocampo, scatta l’ora della delinquenza più becera. Roy Keane non può assolutamente rimanere fuori. A fare coppia con lui, un altro campione come Paul Scholes. Sulla fascia di sinistra, non c’è bisogno di dirlo, Ryan Giggs. Completa il centrocampo un connazionale, Clarence Seedorf.

I due attaccanti? Dennis Bergkamp e il Fenomeno, Ronaldo. Da questa formazione, per dire, è rimasta fuori gente tipo Juan Sebastian Veron, Beckham e Sheva. Un vero delitto. Ma andate voi a lamentarvi con Jaap Stam?