Italia-Svezia: day after Italia-Svezia: day after
Il giorno dopo è come quando ti svegli dopo una sbronza colossale. Solo che in quel caso, nella peggiore delle ipotesi non ricordi nulla... Italia-Svezia: day after

Il giorno dopo è come quando ti svegli dopo una sbronza colossale.

Solo che in quel caso, nella peggiore delle ipotesi non ricordi nulla di quello che è successo la sera prima, nella migliore, invece, ti ricordi quello che hai combinato e ti fai una risata.

Niente di tutto questo, oggi. Solo quel senso di confusione, di non sapere dove ti trovi e la testa pesante. Il giorno dopo la peggior notte della storia della Nazionale Italiana di calcio, almeno per un paio di generazioni, è solo foschia, amarezza e delusione.

Un po’ come il cielo grigio che ti ha dato il buongiorno stamattina, come un manifesto programmatico.




Il giorno dopo, oggi, è nel tram affollato di gente con gli occhi ancora gonfi di delusione, gli occhi di chi ha dormito poco e male per una partita di pallone e si chiede perché e se sia razionale (no, non è razionale, e purtroppo è per quello che lo amiamo).

Il giorno dopo, oggi, è nelle facce nere e scure in ufficio, che si incrociano alle macchinette del caffè, ma non hanno più niente da dire, che tanto tutto quello che c’era da dire lo abbiamo già detto ieri.

Il giorno dopo, oggi, è negli sguardi complici di sconosciuti che si scambiano occhiate di empatia, come a dire “sì, lo so“.

Embed from Getty Images

Ok, la vita va avanti, questo è sicuro. Sabato pomeriggio, magari, saremo già di nuovo a tifare la nostra squadra, a soffrire per i nostri colori, sulle gradinate di uno stadio a incitare la squadra della nostra città. La vita va avanti e ci sono cose peggiori che non andare ai Mondiali.

Poche – e che non hanno a che fare con lo sport- ma ci sono.

Ci saranno tante cose su cui riflettere. Responsabilità, colpe, alibi. Chi poteva giocare, come poteva giocare, come si poteva trovare un modo per segnare almeno un gol in 180 minuti alla Svezia (no, non era così difficile, forse).

Tante cose si potrebbero dire, ma oggi, almeno per oggi, il giorno dopo è questo qui. E non è proprio il massimo della vita.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro

Related Posts

Italia-Svezia: oltre il danno, la beffa

2017-11-17 10:00:00
delinquentidelpallone

18

Le formazioni ufficiali di Italia-Svezia

2017-11-13 18:48:34
pagolo

18

Italia-Svezia: l’accoglienza speciale di San Siro

2017-11-12 13:51:23
delinquentidelpallone

18

Il St Totteringham’s Day non c’è più

2017-05-02 09:19:03
delinquentidelpallone

18

MoroDay, l’iniziativa speciale in memoria di Piermario Morosini

2017-04-13 10:53:29
delinquentidelpallone

18

Il bellissimo gol dello Sheffield Wednesday

2016-11-19 18:18:51
delinquentidelpallone

18

La maledizione del St Totteringham’s Day

2016-05-16 14:40:15
delinquentidelpallone

18

Boxing day: storia, fascino, magia, tradizione

2014-12-26 12:07:49
delinquentidelpallone

18