In questo periodo dell’anno impazzano le trattative di mercato un po’ in tutto il mondo, con le squadre impegnate per battere la concorrenza e...

In questo periodo dell’anno impazzano le trattative di mercato un po’ in tutto il mondo, con le squadre impegnate per battere la concorrenza e accaparrarsi i propri obiettivi.

Ci sono trattative estenuanti, che vanno avanti per giorni, a volte addirittura per mesi, e altre che si concludono in un tempo lampo, lontano dalle indiscrezioni e all’oscuro dalle telecamere.

Come dicevamo è tempo di mercato in tantissimi campionati del mondo, tra i quali anche quello irlandese nel quale si è consumata una vicenda, ancora da risolvere, che ha davvero dell’incredibile.

Protagonisti della vicenda due club: il Linfield FC, di cui vi abbiamo raccontato di recente essendo impegnato nel primo turno dei preliminari di Champions League, e il Crusaders FC. Oltre ai due club in questione l’altro attore protagonista di questa storia è un giocatore: Joshua Robinson, svincolatosi dallo York City, suo club di appartenenza, e conteso dalle due squadre sopracitate.




Ebbene è successo che Robinson è stato annunciato contemporaneamente, giovedì sera, sia dal Linfield che dal Crusaders, che hanno pubblicato la notizia dell’acquisizione del giocatore sui rispettivi account twitter.

Questo il comunicato del Crusaders:

Questo invece l’annuncio da parte del Linfield:

La questione è stata chiarita dall’IFA, la federazione calcistica irlandese, che ha stabilito che la squadra ad aver acquistato Robinson è il Linfield.

La spiegazione, se possibile, è ancora più bella della vicenda: in pratica la federazione ha confermato che entrambe le squadre hanno inviato tutta la documentazione corretta per l’acquisizione del giocatore, con tanto di contratti firmati dal giocatore, ma il Linfield è arrivato con 3 ore di anticipo rispetto al Crusaders.

Un’altra cosa curiosa  è che il Linfield avrebbe sottoposto al giocatore un contratto di 4 anni mentre il Crusaders solo di 3 anni…e Robinson ha accettato entrambe le proposte.

Una vicenda che, sebbene coinvolga squadre di un campionato minore, è certamente paradossale.