Nel mezzo di questa settimana si è giocato il venticinquesimo turno di Premier League, che ha visto diversi risultati clamorosi (le sconfitte di Arsenal...

Nel mezzo di questa settimana si è giocato il venticinquesimo turno di Premier League, che ha visto diversi risultati clamorosi (le sconfitte di Arsenal e Chelsea) e ha fatto registrare anche uno dei gol più veloci della storia della Premier League.

Christian Eriksen, infatti, ha segnato al Manchester United dopo nemmeno dieci secondi di partita, diventando il secondo marcatore più veloce della storia della Premier League.

Ma c’è stata un’altra partita che probabilmente è entrata nella storia, anche se forse non proprio dalla parte giusta.

Stiamo parlando di quella tra Stoke City e Watford, terminata con il punteggio di 0-0.

Direte voi, cosa può essere mai successo in una partita del genere da renderla degna di nota? Niente, precisamente niente: ed è qui che bisogna ricercare la bellissima statistica.

I dati Opta hanno infatti rivelato che nel corso della partita, il pallone è stato in gioco solamente per 42 minuti sui 96 disputati.

Nel resto del tempo, ci sono state rimesse in gioco, palloni buttati fuori, pause per fischi dell’arbitro, perdite di tempo varie ed eventuali, infortuni, insomma tutto tranne che gioco.

In percentuale, si è giocato solo per il 43,3% del tempo totale.

Le statistiche confermano, soprattutto per quanto riguarda i falli e le interruzioni, anche se ci sono stati diversi tiri verso le due porte (non proprio pericolosissimi).

Di sicuro, gli spettatori di questa partita non avranno speso volentieri i soldi del biglietto…