In Spagna non hanno gradito affatto i nuovi orari della Champions In Spagna non hanno gradito affatto i nuovi orari della Champions
Questa sera prenderà il via la fase a gironi della Champions League, che si preannuncia più avvincente che mai. Da quest’anno, inoltre, la Uefa... In Spagna non hanno gradito affatto i nuovi orari della Champions

Questa sera prenderà il via la fase a gironi della Champions League, che si preannuncia più avvincente che mai.

Da quest’anno, inoltre, la Uefa ha introdotto delle modifiche per quel che riguarda gli orari della competizione: due partite, sia di martedì che di mercoledì, verranno disputate alle 18.55 italiane mentre le altre inizieranno alle 21.

Si comincia già da oggi quindi, con Inter-Tottenham e Barcellona-Psv, le due sfide programmate per questo orario inusuale.

Orario che sembra non essere particolarmente gradito agli spagnoli, dal momento che al Camp Nou questa sera è previsto il record negativo di affluenza, con circa 20.000 spettatori attesi.

A poco quindi è servito l’appello di Valverde che nei giorni scorsi aveva dichiarato: “Dobbiamo abituarci a questo nuovo orario della Champions e spero che questo non influenzerà il pubblico del Camp Nou. Si tratta del nostro esordio in Coppa e spero che il pubblico ci stia vicino come sempre“.

In tanti, a dire il vero, si sono lamentati per questo orario non esattamente comodo per chi ha impegni lavorativi, vedremo se l’affluenza sarà disastrosa per tutte le partite in questa fascia oraria o se, con l’andare del tempo, si stabilizzeranno su un numero soddisfacente.

 

In ogni caso non un bellissimo biglietto da visita per la Uefa quello di giocare una gara di Champions in un Camp Nou semi deserto.