Qualche settimana fa vi avevamo mostrato come, in Europa League, i portieri avessero una propensione particolare per papere e errori clamorosi. Bene, anche la...

Qualche settimana fa vi avevamo mostrato come, in Europa League, i portieri avessero una propensione particolare per papere e errori clamorosi.

Bene, anche la terza giornata lo ha confermato.

In Europa League i portieri diventano davvero scemi, e noi siamo qui per dimostrarlo, attraverso la collezione dei peggiori errori degli estremi difensori nel corso della giornata odierna della competizione europea più bella di sempre.

Non sono mancati, in giro per l’Europa, i portieri che hanno perso la capacità di intendere e di volere e che hanno deciso di regalare gol a destra e a manca.

Andiamo a vedere, allora, tutto quello che hanno combinato questi fenomeni oggi, nella raccolta del meglio.

Questa la magia di Aly Keita, portiere dell’Ostersunds, che spalanca la porta ad Aritz Aduriz per il vantaggio dell’Athletic.

Questa, invece, la vaccata del portiere del Nizza (in collaborazione con quell’altro fenomeno di Dante) e il gol di Caicedo.

Hansen, portiere del Rosenborg, oppone strenua resistenza a Rigoni dello Zenit. Più o meno, dai.

Kirintili, portiere del Konyaspor, si avventura in dribbling. E spalanca la porta al raddoppio del Salisburgo.

Questo è uno dei più belli: la minchiata del portiere dell’Athletic Iago Herrerin innesca una carambola di proporzioni bibliche e regala il gol all’Ostersunds.

In serata, benissimo il portiere del Rijeka Simon Sluga, che si fa passare il pallone tra le mani e poi cerca di far volare i ceffoni per impedire la rapida ripresa del gioco.