Si è giocato stasera, al Camp Nou, il Clasico di ritorno tra Barcellona e Real Madrid, una partita mai banale e che dispensa sempre...

Si è giocato stasera, al Camp Nou, il Clasico di ritorno tra Barcellona e Real Madrid, una partita mai banale e che dispensa sempre grandissime emozioni.

Dal punto di vista della classifica, la gara non aveva molto da dire: i blaugrana già campioni, il Real con la testa alla finale di Champions conquistata qualche giorno fa.

Ma in palio, in una partita del genere, c’è sempre tantissimo, e quest’anno il Barcellona aveva una motivazione in più, quella di non perdere per mantenere viva la speranza di chiudere la stagione da imbattuto.

La partita è finita 2-2, ma è successo praticamente di tutto, con gol, agonismo, emozioni, cartellini e calcioni che sono volati in libertà.

Il Barcellona è andato avanti con il solito Suarez, al termine di un’azione molto bella, poi Ronaldo ha pareggiato quasi subito.

In occasione del gol, Ronaldo ha subito un brutto colpo, e forse anche per quello all’intervallo Zidane lo ha sostituito, per non rischiare nulla.

La partita si è fatta subito tesa, e non sono mancati i momenti di confronto, anche abbastanza acceso.

Gareth Bale ha rischiato moltissimo con questo intervento, ma il direttore di gara non lo ha neanche ammonito, in quest’occasione.

Sergi Roberto, poi, ha lasciato i suoi in 10, per questa follia, un cartone ai danni di Marcelo sotto gli occhi dell’arbitro.

Molto bello il gol del momentaneo 2-1 segnato da Messi.

Ma ci sono state tantissime proteste per il fallo di Suarez su Varane, poco prima del gol, che era molto vistoso.

Il Real Madrid ha protestato molto per un rigore non fischiato su Marcelo, rigore sembrato abbastanza evidente.

Qui, uno dei tanti momenti di tensione, con Suarez e Sergio Ramos che non hanno fatto proprio amicizia.

Emozionante anche il saluto del Camp Nou ad Andrès Iniesta, al suo ultimo Clasico.