Il segreto del Barcellona? Thomas Vermaelen Il segreto del Barcellona? Thomas Vermaelen
La vittoria nell’ultimo turno di campionato, il secco 3-0 nel Clasico contro il Real Madrid, ha permesso forse al Barcellona di mettere già le... Il segreto del Barcellona? Thomas Vermaelen

La vittoria nell’ultimo turno di campionato, il secco 3-0 nel Clasico contro il Real Madrid, ha permesso forse al Barcellona di mettere già le mani sulla Liga, a meno di clamorosi – e poco plausibili, al momento – ribaltoni nella seconda parte di stagione.

Una delle chiavi della stagione positiva dei blaugrana è certamente la difesa: la squadra di Valverde, infatti, è la meno battuta del campionato, con 7 reti subite nelle 17 partite giocate.

Meglio anche di una squadra storicamente votata alla difesa come l’Atletico Madrid, visto che la squadra del Cholo Simeone, al momento antagonista diretta, seconda a -9 dal Barcellona, di reti ne ha subite 8.

In campionato, il Barcellona non subisce reti da 3 partite: l’ultimo gol è stato segnato da Maximiliano Gomez nel 2-2 tra i blaugrana e il Celta Vigo.




In Champions League, invece, il Barcellona ha subito un solo gol, superfluo, in tutti i gironi di Champions League, quello firmato da Nikolau a pochi minuti dal termine della partita tra i catalani e l’Olimpiakos.

E uno dei segreti di questa difesa blindata è uno dei protagonisti meno attesi di questa stagione, un calciatore che negli ultimi anni aveva avuto poca fortuna e che era passato, senza trovare gloria, anche dall’Italia, nello specifico da Roma.

Stiamo parlando di Thomas Vermaelen, che sembra aver trovato il suo posto in difesa, complici anche i prolemi fisici di Samuel Umtiti, ritenuto meno affidabile del belga da Valverde. E, oltre al campo, lo dimostrano anche i numeri.

Embed from Getty Images

Nelle 8 presenze di quest’anno, il Barcellona non ha mai perso con Vermaelen in campo: 6 vittorie e 2 pareggi, e 3 soli gol subiti.

Un trend che, curiosamente, va indietro anche alla stagione 2015/16, quella giocata dal difensore belga a Barcellona prima della parentesi romanista. In quella stagione, fece ancora meglio: 20 presenze, 16 vittorie per la sua squadra, 3 pareggi, e 1 sola sconfitta, quella nella finale di andata di Supercoppa di Spagna (un rotondo 0-4 contro l’Athletic Bilbao).

Partita che, casualmente, era anche la prima da titolare in blaugrana per Vermaelen. Ma da quel momento, superata e archiviata la parentesi romanista, Thomas Vermaelen è diventato un vero e proprio talismano blaugrana.

Mettendoci naturalmente del suo, in termini di sicurezza e capacità di stare in campo.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro

Related Posts

In Espanyol-Barcellona è successo praticamente di tutto

2018-01-17 22:22:41
delinquentidelpallone

18

La maglia 2018-19 del Barcellona

2018-01-14 10:01:29
delinquentidelpallone

18

Il Manchester City di Guardiola è più forte del suo Barcellona?

2017-12-12 16:27:08
delinquentidelpallone

18

L’assurdo errore arbitrale in Valencia-Barcellona

2017-11-26 20:28:16
delinquentidelpallone

18

Barcellona: pessime notizie per Dembelé!

2017-09-17 10:13:29
delinquentidelpallone

18

La proposta del Liverpool al Barcellona per Coutinho

2017-09-02 10:40:29
delinquentidelpallone

18