Il secondo tempo fantascientifico di Kevin De Bruyne contro il Tottenham Il secondo tempo fantascientifico di Kevin De Bruyne contro il Tottenham
Ieri, come ogni sabato, la Premier League è scesa in campo e ci ha regalato match spettacolari e ricchi di emozioni. La partita più... Il secondo tempo fantascientifico di Kevin De Bruyne contro il Tottenham

Ieri, come ogni sabato, la Premier League è scesa in campo e ci ha regalato match spettacolari e ricchi di emozioni.

La partita più attesa era sicuramente Manchester City-Tottenham, in cui la squadra di Guardiola era impegnata in una sfida ostica subito dopo il vittorioso derby con lo United, che ha catalizzato su di se tutte le attenzioni della settimana passata anche per via del burrascoso post partita.

La squadra di Pochettino, alla vigilia, era una delle poche compagini a poter impensierire il City, almeno sulla carta. Il campo, invece, ha detto cose diverse e la marcia inarrestabile dei Citizens è proseguita con un rotondo 4-1 ai danni degli Spurs, consentendo agli uomini di Guardiola di vincere la diciassettesima partita su diciotto disputate.

Il Tottenham è stato letteralmente scherzato e annichilito dal Manchester City, che si è dimostrato superiore in ogni aspetto del gioco, ed il risultato di 4-1 rispecchia fedelmente l’andamento della gara.

A fare la differenza per la propria squadra ci ha pensato, come sempre, Kevin De Bruyne, autore di una prestazione di livello assoluto. Il belga, soprattutto nel secondo tempo, ha preso in mano le redini della squadra e l’ha trascinata con una serie di giocate di classe cristallina.

Il tabellino recita “solamente” un gol realizzato al minuto ’70 ma in realtà la prestazione di De Bruyne è stata qualcosa di difficilmente raccontabile: passaggi illuminanti a tutto campo, filtranti smarcanti per mettere l’uomo solo davanti al portiere, recuperi al limite della propria area di rigore e ripartenze fulminee. Ah, giusto, anche il rigore poi sbagliato da Gabriel Jesus se lo è procurato De Bruyne, con una giocata delle sue.

Che il premio di Man of the Match sia andato a lui non è stata certo una sorpresa. Qualcuno ha raccolto inoltre tutte le giocate più significative del giocatore nella seconda parte di gara: un video di highlights che fa impressione per la quantità di giocate decisive e che dimostra, ancora una volta, la completezza di questo giocatore.

Se dovessimo trovare l’arma letale in questa macchina perfetta assemblata magistralmente da Guardiola dirigeremmo le nostre attenzioni verso il fuoriclasse belga, che quest’anno sembra veramente sullo stesso livello dei più grandi di questo gioco.

Ora, come sempre, chiediamo il vostro parere: siete d’accordo con chi, attualmente, considera De Bruyne appena sotto gli inarrivabili Messi e Ronaldo? Dove lo collochereste nella vostra graduatoria?

Related Posts