Il rimpianto di Gasperini dopo il pareggio con lo United Il rimpianto di Gasperini dopo il pareggio con lo United
Poteva essere una serata da ricordare per l’Atalanta, ma la squadra di Gasperini si è dovuta arrendere ancora una volta alla rimonta dello United,... Il rimpianto di Gasperini dopo il pareggio con lo United

Poteva essere una serata da ricordare per l’Atalanta, ma la squadra di Gasperini si è dovuta arrendere ancora una volta alla rimonta dello United, che stavolta ha trovato, nei minuti finali, il gol del 2-2 con il solito Cristiano Ronaldo.

Adesso, per la squadra nerazzurra, la qualificazione agli ottavi passerà dalle prossime sfide, ma non sarà comunque impossibile, visto che con 6 punti con Villarreal e Young Boys sarebbe matematica.

Al termine del match Gasperini, intervistato da Sky Sport, ha parlato dei 90 minuti di stasera:

Una serata fantastica, ci è rimasta questa prodezza incredibile nel finale. Avessimo vinto sarebbe stato il massimo, ci siamo andati vicino“.

Orgoglio, per Gasperini, ma anche un pizzico di rimpianto.

C’è tanto orgoglio, siamo felici all’80 e rammaricato al 20 per aver preso gol in questo modo nei minuti di recupero, dispiace molto perchè la vittoria ci avrebbe dato una spinta per la qualificazione, anche se ci sono ancora delle chance. Con 6 punti è matematico, non so cosa faranno Villarreal e Manchester, ma per fortuna abbiamo la possibilità di dipendere dai nostri risultati“.

Queste gare si giocano fino al 95′ indipendentemente dal risultato, ultimamente stiamo prendendo qualche gol da schierati e facciamo qualche errore di troppo. Significa che abbiamo margine per migliorare“.

Nello specifico, il tecnico dell’Atalanta è dispiaciuto per non aver segnato il gol del 3-1 che avrebbe potuto chiudere la partita prima del finale.

Dispiace per il gol del pareggio, ci sono stati due rimpalli, ma dobbiamo anche vedere quanto di buono abbiamo fatto ed essere orgogliosi perché giocavamo contro una squadra ricca di talento. In queste partite ci sono grandissimi giocatori che possono cambiare il corso di una gara che magari meritavi di vincere, è chiaro che se facevi il terzo gol la partita la vinci, è stato così anche a Manchester. E poi lo United è una squadra famosa per riuscire a risolvere le partite nel finale.

Non abbiamo mai rinunciato a cercare il terzo gol, nel secondo tempo sembravamo avere in mano la partita e che loro avessero poche possibilità. Abbiamo raccolto poco per le due partite che abbiamo fatto, stasera ancora di più, stasera dopo il 2-1 la partita era sicuramente in mano nostra“.

E, infine, la spiegazione sul siparietto nel finale con Cristiano Ronaldo, con le telecamere che hanno inquadrato i due uscire dal campo abbracciati e sorridenti.

Ronaldo è un giocatore incredibile, pazzesco, qualcuno è riuscito a dire che era anche un problema: non l’ho mai visto fuori. Alla fine gli ho detto una cosa in italiano (sorridendo), ma vai a quel paese…”