Dopo due turni di campionato in cui il grosso delle partite si sono disputate alla domenica sera, ritorna l’organizzazione tradizionale della Serie A, con...

Dopo due turni di campionato in cui il grosso delle partite si sono disputate alla domenica sera, ritorna l’organizzazione tradizionale della Serie A, con il lunch match e il tradizionale carosello di partite alle 15, con tanto di delinquenza attesa e attendibile.

Andiamo quindi a scoprire cosa è successo nel pomeriggio, e come lo abbiamo vissuto insieme, tra il riassunto di quello che ci hanno regalato le squadre in campo e i vostri migliori tweet.

Subito ottime notizie dall’Atleti Azzurri d’Italia, e non stiamo parlando solo dell’esordio italiano di Joe Hart.

A Roma si parte con un dubbio che aleggia nell’aria.

Poi però il buon Mimmo Salah porta in vantaggio i giallorossi, con la specialità della casa: il colpo di testa.

A San Siro invece il nostro Maestro Beppe Iachini si presenta con un atteggiamento propositivo, gagliardo e per nulla remissivo.

Muriel, con il più classico dei gol del Cristo, smentisce la nostra tesi.

Espulso Sinisa. Strano.

Nel frattempo a Genova comincia a piovere. Due gocce.

Partita sospesa, anche se c’erano tutte le condizioni per continuare. Almeno secondo noi.

Piove anche a Roma, dove si sta scaldando Francesco Totti. Che forse non ha mai smesso.

La difesa della Roma si fa trovare impreparata sul corner, diciamo così. E Quagliarella insacca senza problemi.

Quagliarella che prima stava facendo il gol dell’anno.

Si va al riposo con delle certezze ritrovate.

Genoa-Fiorentina sospesa, Roma-Samp idem. Chievo-Lazio invece la stavano giocando ma non tutti se ne erano accorti.

Dopo l’intervallo, però, a Verona si svegliano. 1-1 nel giro di pochi minuti, con Maran che la prende benissimo.

Joe Hart si presenta come solo i grandi sanno fare.

Ah, si. C’è una partita anche a San Siro!

Atalanta e Torino regalano giocate memorabili.

A Verona c’è l’uomo giusto per dare la scossa al match.

Il Torino regala un rigore all’Atalanta. Sul dischetto non si presenta Paloschi ma Francone Kessie, che risponde con un rigore da campione al doppio squillo del Pipita di ieri.

Quando tutti si sono dimenticati della partita, Perica (con deviazione di Abate) regala il clamoroso vantaggio all’Udinese.

Dopo Sinisa, espulso anche Gasp, che sfoggia i suoi grossi mezzi atletici

Poi, quando il pomeriggio sembrava finito, riprende Roma-Samp. Con in campo un Francesco Totti che sembra non avere alcuna intenzione di arrendersi al tempo che passa: assist per Dzeko di prima e pareggio immediato dei giallorossi.

La Samp respinge più volte gli assalti della Roma grazie al suo portiere in giornata di grazia.

All’ultimo respiro, all’ultimissimo respiro. Dzeko si guadagna il rigore, Totti lo trasforma. Un unico, solo commento possibile.

Per oggi, con questo pomeriggio impegnativo, è tutto. Appuntamento a stasera con un Pescara-Inter che promette scintille. O schiaffi.