Con la vittoria di ieri del Barcellona e la formalità del Bayern Monaco in Turchia, si è completato il quadro dei quarti di finale...

Con la vittoria di ieri del Barcellona e la formalità del Bayern Monaco in Turchia, si è completato il quadro dei quarti di finale della Champions League 2017/18.

Sono rimaste in 8, e ormai si fa chiaro il quadro di chi potrà arrivare fino in fondo sognando di alzare al cielo di Kiev la Coppa dalle Grandi Orecchie.

8 squadre, tutte provenienti dall’elite del calcio europeo: come non capitava da un po’, sono infatti rimaste in corsa solo squadre provenienti da Italia, Inghilterra, Spagna e Germania.

Quindi, per avvicinarci al sorteggio di domani (ore 12.00, a Nyon) abbiamo pensato di mettere in fila in un ranking le 8 squadre rimaste in corsa, e analizzare le loro possibilità di vincere il trofeo.

8. Siviglia

La squadra di Vincenzo Montella ha eliminato a sorpresa il Manchester United, e si presenta ai quarti come l’avversario che tutti vorrebbero, probabilmente.

Di sicuro, il Siviglia ha una caratura inferiore a tutte le altre squadre del lotto, per quanto non sia spacciato in partenza con nessuno. Ma, di sicuro, chi pescherà gli andalusi non sarà poi così triste.

7. Roma 

Dopo tanto tempo l’Italia torna a portare 2 sue squadre tra le migliori 8 d’Europa. La squadra di Di Francesco ha le carte in regola per dare fastidio, ma probabilmente, a meno di sorteggio clamorosamente benevolo, vedere la Roma in semifinale sarebbe una grossa sorpresa.

Di sicuro, un’avventura da godersi e gustarsi fino in fondo, perché sognare non costa nulla.

6. Liverpool

La squadra di Klopp ha eliminato senza soffrire il Porto, avversario comunque poco probante. I Reds sono una squadra abbastanza indecifrabile: hanno la capacità di vincere con chiunque (hanno sconfitto anche il City in Premier, per dire) e di perdere partite che sembrano sulla carta scontate.

In Europa, però, la difesa del Liverpool sembra essere meno attrezzata, e quindi, per andare in semifinale, la loro strategia non potrà che essere quella di segnare un gol in più degli altri.

5. Juventus 

L’impressionante solidità difensiva della squadra di Allegri è un’ottima base da cui ripartire per tentare l’ennesimo assalto alla Champions, dopo i due andati a vuoto nel 2015 e nel 2017.

La Juventus, però, lascia ancora qualche perplessità in campo europeo, perplessità da sciogliere proprio in questo turno. Vedremo cosa riserverà il sorteggio ai bianconeri, che al momento partono un gradino sotto le favoritissime.

4. Bayern Monaco 

Più o meno alla pari con la Juventus, ai piedi del podio, il Bayern di Jupp Heynckes. Una squadra che ha ritrovato solidità e concretezza, e che ha già messo praticamente in cascina la Bundesliga. Il Besiktas è stato piegato senza troppi sforzi, ora non resta che vedere se i bavaresi confermeranno ai quarti di finale il loro ottimo stato di forma.

3. Real Madrid

In campionato la squadra di Zidane ha perso troppi punti per strada, ma in Champions League sembra essere tornata quella squadra capace di fare doppietta negli ultimi anni.

Il PSG si è squagliato contro i Blancos, che ora fanno davvero paura a tutti. Per tradizione, uomini e mentalità, non si può tenere fuori il Real dal novero dei favoriti. E Cristiano Ronaldo sembra aver deciso di ricominciare a macinare gol a raffica.

2. Barcellona 

Il nuovo Barcellona di Valverde è una squadra radicalmente trasformata, ma che non ha tradito la sua anima. I blaugrana hanno cambiato uomini e modulo, ma restano la squadra di marziani che solo la Juventus dello scorso anno è riuscita a neutralizzare in pieno in questi ultimi 2-3 anni.

Leo Messi è tornato a livelli stratosferici, e il Barcellona non può che essere considerato tra le candidate più autorevoli al successo finale.

1. Manchester City 

Al primo posto del ranking, per quanto fatto vedere finora, non può che esserci il Manchester City di Pep Guardiola. Una squadra in grado di tritare tutti gli avversari incontrati sul suo cammino, e che sta incantando praticamente tutti.

Obiezione: non ha ancora incontrato, in Europa, avversari di livello assoluto come capitato ad altre pretendenti. Vero, e forse ci toglieremo già da ora il dubbio. Ma di sicuro, ad oggi, con la Premier già in tasca e la possibilità di riposare nei prossimi mesi, è quasi impossibile non mettere i Citizens in questa posizione.