Il progetto della Roma e l’allenatore giusto per provarci Il progetto della Roma e l’allenatore giusto per provarci
La sconfitta di domenica sera contro il Napoli ha aperto, ancora una volta, il dibattito sulla valutazione della stagione di Paulo Fonseca e soprattutto... Il progetto della Roma e l’allenatore giusto per provarci

La sconfitta di domenica sera contro il Napoli ha aperto, ancora una volta, il dibattito sulla valutazione della stagione di Paulo Fonseca e soprattutto quello sul suo futuro.

In questo momento, con tutti i discorsi ancora aperti, è davvero difficile esprimere un giudizio completo su quanto fatto dal portoghese. La Roma è in corsa per conquistare uno dei primi quattro posti in campionato ed è l’unica italiana rimasta in gara in Europa, il che non si può certo configurare come un fallimento degli obiettivi stagionali.

Le perplessità, però, hanno riguardato perlopiù il rendimento dei giallorossi negli scontri diretti, praticamente disastroso. E la partita persa contro il Napoli, appunto, ha fatto allontanare il quarto posto, rendendo così il finale di stagione della Roma più complicato verso la conquista di una qualificazione in Champions.

Così, in queste ore si è tornato a parlare del progetto che la Roma ha in testa per il futuro, la vision della nuova proprietà dei Friedkin.

I giallorossi, dopo aver messo Tiago Pinto a capo dell’area tecnica, hanno deciso di percorrere una strada, che in parte era già cominciata. Nel futuro della Roma c’è l’idea di sviluppare e far crescere giovani talenti, sia italiani che soprattutto del panorama calcistico europeo, un modello di calcio che tante squadre in giro per il Vecchio Continente hanno già adottato, e che in questi anni di difficoltà economiche che si prospettano potrebbe anche essere decisamente più sostenibile.

Per questo progetto, però, è fondamentale la figura dell’allenatore. La Roma cerca un condottiero che abbia nelle sue corde la capacità di lavorare con i giovani, di riconoscere e di sviluppare il talento, e di trasmetter loro un’idea di calcio moderna, in grado di valorizzarne le capacità.

Un profilo alla Nagelsmann, o alla Rangnick, per intenderci, una di queste figure che in particolare in Germania negli ultimi anni sono emerse con forza e che hanno dimostrato di poter mettere in cantiere progetti vincenti.

Proprio per questo motivo, la Roma dovrà decidere, nei prossimi mesi, quale strada intraprendere, e trovare un allenatore di questo tipo sarà fondamentale per la buona riuscita dell’operazione.