Il poco invidiabile record di Francesco Cassata Il poco invidiabile record di Francesco Cassata
Dopo l’anticipo delle 12.30, terminato con la vittoria del Torino sul Chievo (3-0) erano tre le gare in programma nel pomeriggio di Serie A,... Il poco invidiabile record di Francesco Cassata

Dopo l’anticipo delle 12.30, terminato con la vittoria del Torino sul Chievo (3-0) erano tre le gare in programma nel pomeriggio di Serie A, prima delle due interessantissime sfide che chiuderanno la giornata, Atalanta-Fiorentina e Napoli-Juventus.

La Sampdoria si è imposta per 2-1 a Ferrara in casa della SPAL (anche se c’è stata grossa polemica), mentre l’Udinese ha vinto con lo stesso punteggio lo scontro salvezza con il Bologna. A Marassi, invece, la partita tra Genoa e Frosinone è terminata 0-0.

E proprio a Genova, da segnalare l’espulsione di Francesco Cassata per doppia ammonizione nel primo tempo, centrocampista classe 1997 che dopo aver esordito lo scorso anno in Serie A con la maglia del Sassuolo, quest’anno si è trasferito a Frosinone, in prestito.

Per il centrocampista – cresciuto nelle giovanili della Juventus, e con alle spalle anche un anno di B con la maglia dell’Ascoli – si tratta della seconda espulsione in carriera in Serie A: il dato curioso, e forse anche un po’ preoccupante, è che di partite in Serie A Cassata ne ha giocate finora solamente 26.

Il bilancio di Cassata nella massima serie è decisamente impressionante: in queste 26 presenze, ha messo insieme, oltre alle sopracitate due espulsioni, anche 12 ammonizioni, praticamente uno ogni due partite.

Il ragazzo è decisamente un prospetto molto interessante per il calcio italiano, ma di sicuro dovrebbe cercare di moderare un po’ questa sua caratteristica per evitare di collezionare troppi cartellini…