Il motivo per cui Ronaldo ha rinunciato alla patch da miglior giocatore dello scorso campionato Il motivo per cui Ronaldo ha rinunciato alla patch da miglior giocatore dello scorso campionato
Nelle prime uscite stagionali delle squadre di Serie A, i più attenti avranno notato una piccola novità sulle maglie di alcuni giocatori impegnati nel... Il motivo per cui Ronaldo ha rinunciato alla patch da miglior giocatore dello scorso campionato

Nelle prime uscite stagionali delle squadre di Serie A, i più attenti avranno notato una piccola novità sulle maglie di alcuni giocatori impegnati nel weekend.

Non tutti, ovviamente, ma solo quei calciatori che al termine dello scorso campionato erano stati premiati con il titolo di miglior giovane, miglior portiere, miglior difensore, miglior centrocampista, miglior attaccante e miglior giocatore globale nel corso della Serie A 2018/19.

Una novità introdotta nella scorsa stagione e che ha degli effetti anche in questa.

Per questo motivo, i vari Zaniolo, Handanovic, Koulibaly, Milinkovic-Savic e Quagliarella hanno potuto applicare sulla loro maglia uno stemma speciale, un riconoscimento che li identificava appunto come i vincitori del premio individuale di cui vi abbiamo parlato.

Questa, per esempio, è la patch che potete notare sulla maglia indossata nelle prime due giornate da Kalidou Koulibaly, che si può così fregiare, anche in maniera grafica, del titolo di miglior difensore della Serie A 2018/19.

Ecco, i più attenti avranno invece notato che nelle prime due uscite stagionali Cristiano Ronaldo, pur avendo avuto l’opportunità di indossare la patch da MVP dello scorso campionato, ha rifiutato e ha scelto di non metterla sulla sua maglia.

Potete notarlo dalle foto delle ultime partite giocate dai bianconeri.

View this post on Instagram

👈👈 #JuveNapoli #FinoAllaFine

A post shared by Juventus Football Club (@juventus) on

Secondo alcune voci, Ronaldo avrebbe rifiutato di indossare la patch di miglior giocatore per rispetto nei confronti dei compagni di squadra, non ritenendo giusto essere considerato “al di sopra” degli altri anche da un punto di vista ufficiale.

Una scelta che, se davvero dovessero essere queste le motivazioni, sarebbe piuttosto significativa, soprattutto considerando il grande spirito competitivo del portoghese.