Non siamo di quelli che tracciano delle linee di confine nette e precise, di quelli che si schierano aprioristicamente da una parte o dall’altra...

Non siamo di quelli che tracciano delle linee di confine nette e precise, di quelli che si schierano aprioristicamente da una parte o dall’altra e che decidono, senza voler sentire ragioni, che il calcio di oggi fa schifo nella sua totalità e quello di una volta è l’unico che vale la pena salvaguardare. Siamo dell’idea che il calcio viaggi al passo con i tempi, e che per certi aspetti vada accettato così come è, criticando quello che c’è da criticare, ma senza pregiudizi.

Però di fronte a certe cose anche a noi parte l’embolo, e si chiude la vena. Perché con il calcio non si scherza, visto che è una cosa seria. E dei ragazzi, in Sudafrica, forse hanno contribuito ad ammazzare il calcio.

Cosa è successo? Niente, durante la partita tra Free State Stars e Platinum Stars, del campionato riserve sudafricano (eh, lo sappiamo…) è andata in scena la roba che vi proponiamo qui sotto e che abbiamo quasi paura a commentare.

Si, due giocatori si sono permessi di mettere in scena la DAB, quel balletto-danza-nonsappiamonemmenonoicomechiamarla diventata famosa per le esultanze di Paul Pogba ed altri. Ma un conto è fare scenette del genere mentre si esulta per un gol o fuori dal campo, un altro irridere gli avversari con giochetti del genere nel bel mezzo di una partita.

Con questa, forse, possiamo dire di averle viste tutte, e decretare ufficialmente la morte del calcio. Addio.