Il Galatasaray è la squadra di culto della prossima Champions League Il Galatasaray è la squadra di culto della prossima Champions League
Quando l’urna del sorteggio di Montecarlo ha accoppiato Real Madrid e PSG, in tanti, forse anche gli stessi protagonisti, devono aver pensato che le... Il Galatasaray è la squadra di culto della prossima Champions League

Quando l’urna del sorteggio di Montecarlo ha accoppiato Real Madrid e PSG, in tanti, forse anche gli stessi protagonisti, devono aver pensato che le sorti di quel girone sarebbero state già scritte in partenza.

Ma se probabilmente il Bruges è destinato a recitare il ruolo di vittima sacrificale del Gruppo A, non si può dire altrettanto per il Galatasaray; o meglio, bisognerebbe essere piuttosto superficiali per pensare che i turchi non saranno avversario ostico per le due big del girone, anche e soprattutto perché in estate si sono rinforzati parecchio.

Anzi, precisiamo meglio come stanno le cose: il Galatasaray ha costruito una squadra di culto, che può fare il botto e dare fastidio in Europa oppure, come pure tante volte succede, potrebbe fallire miseramente nonostante i tanti nomi di spicco.

Basta leggere la lista degli acquisti dei turchi per capire il perché di tanto entusiasmo intorno ai giallorossi di Istanbul: dal Fulham sono arrivati Seri e Ryan Babel, e a rinforzare il centrocampo sono arrivati anche Mario Lemina e l’ex romanista Nzonzi. È arrivato anche un calciatore di grande talento – ma non sempre continuo e soprattutto una testa un po’ calda – come Emre Mor. Ma, soprattutto, negli ultimi giorni di mercato è arrivato Radamel Falcao, e il Galatasaray ha poi completato l’opera acquistando un buon rimpiazzo per il reparto avanzato come Florin Andone.

E, in più, i turchi hanno puntellato la rosa con acquisti meno mediatici, come i difensori Luyindama e Ozornwafor, oltre a un paio di acquisti di prospettiva dal campionato turco.

L’atmosfera, come potete ben immaginare, è elettrica: c’è stata in questi giorni la presentazione della squadra, e questa è stata l’accoglienza riservata a Radamel Falcao…

Insomma, se poi aggiungiamo i nuovi arrivi a quelli che invece già c’erano (per esempio, sulla trequarti, la fantasia di Belhanda e Feghouli, e in difesa l’idolo Nagatomo), ne viene fuori una squadra che ha tutte le potenzialità per dire la sua anche in Europa, anche perché in panchina c’è un mago come Fatih Terim, l’Imperatore.

Se ancora non siete convinti, abbiamo schierato in campo la possibile formazione del Galatasaray di quest’anno.

Passare il girone di Champions League, con Real e PSG, sarà comunque difficile, anche se siamo sicuri che entrambe faranno parecchia fatica, soprattutto nelle due gare nella bolgia di Istanbul.

Ma, arrivando al terzo posto del girone, il Galatasaray potrà comunque andare a dare molto fastidio in Europa League.

E, se proprio invece le cose non dovessero andare così bene, perlomeno avranno regalato spettacolo e divertimento a chi, come noi, sa amare e apprezzare gli eroi di culto.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro