Il duro commento di Commisso dopo Lazio-Fiorentina

La vittoria di sabato sera della Lazio contro la Fiorentina, in rimonta, non è andata giù a buona parte del mondo viola.

In particolare, da Firenze è stato contestato il rigore del pareggio concesso alla Lazio, con il contatto tra Caicedo e Dragowski all’interno dell’area viola, che ha fatto parecchio discutere.

E così ieri mattina, dagli Stati Uniti, è arrivato anche il commento di Rocco Commisso, il patron della Fiorentina, che ha chiesto in particolare chiarimenti sull’utilizzo del VAR nella gara dell’Olimpico, pur senza fare esplicito riferimento all’episodio incriminato.

Queste le parole di Commisso, affidate al sito ufficiale della Fiorentina:

Vedendo le immagini e sentendo e leggendo i commenti internazionali delle televisioni, dei siti e dei social media con molte critiche relative alla gestione arbitrale della gara, mi viene da chiedere come mai dopo più esempi che hanno riguardato non solo la Fiorentina ma anche tante altre squadre, non è stato ancora deciso un utilizzo più significativo e sopratutto utile della tecnologia e del VAR nello specifico“. 

In particolare, così come aveva già fatto dopo la partita contro la Juventus di qualche mese fa, Commisso ha proposto l’introduzione del VAR a chiamata, ovvero uno o due challenge, come nel tennis, a disposizione degli allenatori in situazioni dubbie:

Continuo infatti pensare che debba essere data la possibilità alle squadre di richiamare gli arbitri all’utilizzo del VAR, con regole da definire, così da permettere a tutti di non avere dubbi e di avere la certezza che tutto è stato giudicato nel migliore modo possibile. 

Su questo tema continuerò a essere la prima persona che si batterà per il rispetto della Fiorentina e del Popolo Viola e per il calcio italiano in generale“.