Radja Nainggolan è, da qualche anno, uno dei centrocampisti più forti della Serie A, grazie a prestazioni che lo hanno aiutato a imporsi al...

Radja Nainggolan è, da qualche anno, uno dei centrocampisti più forti della Serie A, grazie a prestazioni che lo hanno aiutato a imporsi al top del nostro campionato.

Ma, curiosamente, il centrocampista della Roma trova pochissimo spazio con la maglia della Nazionale, e ultimamente è sparito del tutto dai radar e non viene neanche più convocato dal Belgio.

Più volte qualcuno ha provato a spiegare questa mancata convocazione con i motivi disciplinari e con alcuni comportamenti di Nainggolan che non hanno fatto piacere allo staff della Nazionale, ma la cosa è sembrata da subito sospetta.

In questi giorni il CT del Belgio Roberto Martinez, in una lunga intervista, ha spiegato i motivi per cui non convoca Radja Nainggolan in Nazionale e non intende farlo nemmeno in un prossimo futuro.

Questa la spiegazione di Martinez:

Devo prendere decisioni funzionali all’equilibrio della mia squadra , e penso di aver due posti per il numero 10. Mertens e Hazard, per ora, stanno facendo meglio in quel ruolo. Per quanto riguarda Radja, ha dato il meglio di sé a Roma da numero 10  alle spalle di Dzeko. E in quel ruolo non c’è posto per lui.

Alla domanda se invece Nainggolan non possa giocare a centrocampo (come del resto fa anche nella Roma di Di Francesco) Martinez ha risposto così.

Il suo peso aumenta quando può attaccare o quando può rendersi pericoloso dalla distanza. So che ha un enorme potenziale, ma non può essere il 15° o 16° uomo di una squadra. Deve avere un ruolo importante. Certi giocatori possono accontentarsi di fare la riserva, altri no“.

Martinez ha poi negato che il motivo possa essere di carattere disciplinare: ma la versione del CT del Belgio sembra davvero poco credibile