Il comportamento dei giocatori del Liverpool che ha fatto arrabbiare molte persone Il comportamento dei giocatori del Liverpool che ha fatto arrabbiare molte persone
Il protagonista – in negativo – della finale di Champions League di ieri sera è stato senza ombra di dubbio Loris Karius. Il portiere... Il comportamento dei giocatori del Liverpool che ha fatto arrabbiare molte persone

Il protagonista – in negativo – della finale di Champions League di ieri sera è stato senza ombra di dubbio Loris Karius.

Il portiere del Liverpool ha di fatto sbloccato la partita regalando il gol del vantaggio al Real Madrid, con un rinvio dritto sui piedi di Benzema poi finito nella porta dei Reds.

Un errore che non si vede facilmente a questi livelli, e che non si era mai visto in una finale di Champions League.

Un errore poi replicato, negli ultimi minuti di partita, sul tiro di Gareth Bale, che il portiere del Liverpool ha clamorosamente lisciato, permettendo al pallone di finire in porta per il definitivo 3-1 in favore del Real Madrid.

Al termine del match, il portiere era inconsolabile, e, in lacrime è andato a chiedere scusa ai tifosi del Liverpool, che in maniera molto comprensiva, hanno applaudito e idealmente abbracciato il loro numero uno, nonostante il peso devastante di quei due errori.

Molti, invece, hanno notato un particolare: a fine partita, mentre Karius si disperava in lacrime sul terreno di gioco, nessun giocatore del Liverpool si è avvicinato per consolarlo.

I primi a farlo sono stati i giocatori del Real Madrid, che hanno abbracciato e consolato Karius a più riprese, in maniera molto sportiva.

Sono stati tanti, tra i tifosi e gli opinionisti, e anche gli ex calciatori, a scagliarsi contro questo comportamento dei giocatori del Liverpool, sicuramente delusi e amareggiati, ma che avrebbero comunque potuto mostrare immediatamente il loro appoggio al compagno.

A fine partita, comunque, molti dei compagni di Karius hanno dedicato un gesto al loro portiere, ma a colpire è stata la solitudine con cui il ragazzo ha dovuto affrontare i primi momenti dopo il fischio finale, forse i più difficili…