Siamo tutti abituati a pensare che i calciatori di Serie A guadagnino ogni anno cifre astronomiche. Se non in senso assoluto, pensiamo che i...

Siamo tutti abituati a pensare che i calciatori di Serie A guadagnino ogni anno cifre astronomiche.

Se non in senso assoluto, pensiamo che i calciatori del massimo campionato abbiano stipendi enormi anche relativamente a quanto possono guadagnare i “comuni mortali” nel nostro Paese.

Ecco, forse sarà vero per la maggior parte o per la stragrande maggioranza dei giocatori di calcio della nostra Serie A, ma non per tutti: qualcuno, infatti, guadagna molto meno dei suoi colleghi milionari.

Ma, appunto, chi è il calciatore più povero – dai, diciamo il meno pagato – della Serie A 2017/18?

Il premio, non troppo ambito, se lo assicura il diciottenne portiere del Crotone Aniello Viscovo, che ricopre il ruolo di terzo nella squadra di Davide Nicola: il suo stipendio? Circa 30.000 euro l’anno.

Un confronto abbastanza impari, se pensate a quanto guadagni un altro diciottenne, che gioca nello stesso ruolo di Viscovo, e che difende i pali della porta del Milan…

A seguire, tra i calciatori che guadagnano meno in Serie A, ci sono un altro calciatore del Crotone, Giuseppe Borello, che arriva a 40.000 euro di ingaggio, Alberto Brignoli del Benevento (50.000 euro) e Gianluca Scamacca del Sassuolo che si “accontenta” di 70.000 euro l’anno di stipendio.

Insomma, un mito che forse viene sfatato: i calciatori di Serie A guadagnano comunque parecchio, ma non proprio tutti tutti…