Il bellissimo gesto di alcuni calciatori iraniani dopo Marocco-Iran Il bellissimo gesto di alcuni calciatori iraniani dopo Marocco-Iran
Ieri pomeriggio si sono disputate le gare del Gruppo B di Russia 2018, un raggruppamento che è stato aperto dalla sfida tra Marocco e... Il bellissimo gesto di alcuni calciatori iraniani dopo Marocco-Iran

Ieri pomeriggio si sono disputate le gare del Gruppo B di Russia 2018, un raggruppamento che è stato aperto dalla sfida tra Marocco e Iran.

Un match che si è risolto solo nel finale, e che prima è stato parecchio teso e combattuto, anche a livello di scontri in campo tra i 22 giocatori delle due squadre.

A decidere la partita è stata l’autorete di Aziz Bouhaddouz, che proprio all’ultimo pallone del match ha battuto il suo portiere e regalato un successo tanto insperato quanto storico all’Iran.

La nazionale iraniana, infatti, non vinceva una partita al Mondiale dal 1998, e grazie al pareggio tra Spagna e Portogallo si è regalata anche una notte in testa al girone.

La festa, però, non ha impedito ai calciatori della nazionale iraniana, o almeno ad alcuni di loro, di rendersi protagonisti di un gran bel gesto: sono stati tanti, infatti, i calciatori iraniani che hanno deciso di dedicare un piccolo pensiero a Bouhaddouz, cercando di consolarlo per un autogol davvero pesante, in una partita del genere.

Questo, per esempio, il post di Reza Ghoochannejhad su Instagram.

Non ti conosco personalmente, ma nella vita a volte si vince, a volte si perde. Non farti trascinare giù da questo autogol. Siamo tutti sportivi professionisti, e questo fa parte del gioco. Sono felice e orgoglioso per la mia squadra e il mio Paese, ma vorrei augurarti comunque il meglio per la tua carriera“.

Dello stesso tenore i post pubblicati da Alireza Jahanbakhsh e Ashkan Dejagah, che hanno voluto comunque risollevare il morale all’avversario di giornata.

Davvero un bel messaggio, anche in virtù del fatto che la partita, come detto, non era stata proprio all’insegna del fair play in campo, con tanti contrasti e botte da orbi.

Ma il calcio, in effetti, è anche e soprattutto questo.