Ieri sera si è giocato il primo anticipo del turno infrasettimanale di Serie A: la decima giornata del nostro campionato si è aperta con...

Ieri sera si è giocato il primo anticipo del turno infrasettimanale di Serie A: la decima giornata del nostro campionato si è aperta con la rocambolesca vittoria dell’Inter sulla Samp.

L’Inter è andata avanti per 3-0, giocando una partita quasi perfetta, per poi farsi inspiegabilmente rimontare nel finale di gara, rischiando addirittura di farsi rimontare dai blucerchiati, e chiudendo il match sul 3-2.

Ad aprire le marcature era stato uno dei protagonisti principali del buon avvio di stagione dell’Inter: Milan Skriniar, che in estate è arrivato proprio dalla Sampdoria e che era stato oggetto di parecchio scetticismo a inizio anno.

Il difensore slovacco, invece, sembra aver già convinto tutti, rivelandosi uno dei migliori difensori di questo avvio di campionato.

A fine partita, poi, Skriniar si è reso protagonista di un bel gesto nei confronti di Marco Giampaolo, che era stato suo allenatore lo scorso anno proprio alla Samp e che ha contribuito non poco alla sua crescita come giocatore e come uomo.

Skriniar infatti, come rivelato proprio da Giampaolo, a fine partita è andato a salutare il suo vecchio allenatore portandogli in regalo una sua maglia dell’Inter, ringraziando Giampaolo per quanto fatto per lui l’anno scorso, ritenendolo fondamentale per il suo salto di qualità: Skriniar ha ricevuto i complimenti del tecnico blucerchiato.

Embed from Getty Images

È un ragazzo e un giocatore fantastico, Milan è un giocatore silenzioso che non butta mai via un allenamento, di un’umiltà straordinaria. È un ragazzo che non parla, ma c’è.

Queste le parole di Marco Giampaolo ai microfoni di Sky al termine della gara, che confermano quanto Skriniar abbia saputo farsi voler bene a Genova e quanto, probabilmente, si farà voler bene a Milano.

Puoi leggere anche il nostro approfondimento: Milan Skriniar: il muro slovacco

Puoi seguire le nostre storie di calcio anche su Instagram: ci trovi su @delinquenti_del_pallone