5 tifosi che puoi incontrare in ogni stadio 5 tifosi che puoi incontrare in ogni stadio
Lo stadio, da Wembley al Comunale in terra, sassi e buche dietro casa è un luogo sacro, ma è anche uno spaccato sociologico, un piccolo... 5 tifosi che puoi incontrare in ogni stadio

Lo stadio, da Wembley al Comunale in terra, sassi e buche dietro casa è un luogo sacro, ma è anche uno spaccato sociologico, un piccolo ecosistema all’interno del quale convivono personaggi tra loro diversissimi, ma in fondo in fondo uguali. Andiamo a scoprire in quali curiosi personaggi potreste imbattervi se, oggi pomeriggio, doveste decidere di passare un paio d’ore sui seggiolini, sui gradoni o scomodamente sui vostri piedi in uno dei tanti stadi d’Italia.

angry

L’iracondo

Personaggio che, non esistesse lo stadio, finirebbe probabilmente in un manicomio criminale o in una struttura per il trattamento sanitario obbligatorio. Il calcio è la sua unica valvola di sfogo. Ignora le squadre in campo, più probabilmente ignora anche le regole del gioco e le sue più elementari dinamiche. Giunge sul luogo del delitto in totale ed inderogabile solitudine, si sistema sul suo posto e inizia la sua sequela di insulti, bestemmie che un normale orecchio umano non ha mai udito, grida senza senso.

Un normale osservatore esterno non riesce a comprendere per chi questo soggetto faccia il tifo, essendo i suoi improperi diretti indistintamente a tutti i protagonisti in campo. Non di rado prende questioni anche con i vicini di posto, anche e soprattutto se costoro evitano accuratamente ogni contatto con lui. Passati i 90 minuti e sfogata tutta la sua rabba repressa, l’iracondo è pronto ad affrontare in totale serenità una nuova settimana di vita quotidiana.

Next page