Questa sera la Juventus, per portare a casa la qualificazione ai quarti di finale di Champions League, è chiamata a una partita perfetta. I...

Questa sera la Juventus, per portare a casa la qualificazione ai quarti di finale di Champions League, è chiamata a una partita perfetta.

I bianconeri, dopo il 2-2 dell’andata a Torino, dovranno infatti vincere o pareggiare segnando almeno 3 gol a Wembley, la nuova casa del Tottenham di Pochettino.

Non sarà impresa facile, un po’ perché la squadra di Allegri è ancora parecchio incerottata – mancherà Mario Mandzukic, per esempio – ma soprattutto perché, negli ultimi mesi, il Tottenham ha fatto di Wembley un vero e proprio fortino.

E a dimostrarlo sono i numeri casalinghi degli Spurs in questi ultimi mesi.

La squadra londinese, infatti, si è temporaneamente trasferita a Wembley per permettere i lavori di ristrutturazione e ammodernamento dello storico impianto di White Hart Lane: inizialmente, però, lo storico impianto sembrava essere una casa scomoda per gli Spurs.

Il Tottenham ha perso all’esordio in Premier con il Chelsea, per poi pareggiare con due squadre non proprio irresistibili come Burnley e Swansea. E il 25 ottobre 2017, in Coppa di Lega, era arrivata un’altra sconfitta casalinga, stavolta contro il West Ham.

Da quel giorno, però, i numeri del Tottenham a Wembley fanno davvero paura.

Dal 25 ottobre in poi, il Tottenham in casa ha giocato 15 partite, vincendone 13 e pareggiandone solamente 2. I gol segnati, in questa 15 partite, sono stati 41, mentre solo 7 quelli subiti.

In questo periodo di tempo, a Wembley sono cadute squadre del calibro del Real Madrid (3-1), Manchester United (2-0), Arsenal (1-0), mentre prima del 25 ottobre avevano perso in casa del Tottenham anche Liverpool (4-1) e Borussia Dortmund (3-1).

La prestazione gigantesca di Moussa Dembélé contro la Juve

Tra i pochi che sono riusciti a segnare in casa della squadra di Pochettino, il Rochdale, squadra di League One, che però è uscita sconfitta per 6-1.

Insomma, se la Juventus vuole passare a Wembley ha davvero bisogno della partita perfetta.