I Mondiali a Dicembre e un calcio che stanno distruggendo I Mondiali a Dicembre e un calcio che stanno distruggendo
C’era una volta un gioco chiamato calcio. Era il gioco più bello del mondo, ci faceva sognare e a lui avevamo legato i ricordi... I Mondiali a Dicembre e un calcio che stanno distruggendo

C’era una volta un gioco chiamato calcio. Era il gioco più bello del mondo, ci faceva sognare e a lui avevamo legato i ricordi più belli dei nostri anni felici. Quei ricordi che, con un pallone in mezzo, sono arrivati fino ad oggi, anche oggi che siamo cambiati, siamo diventati grandi e cresciuti.

I Mondiali, per esempio. Ricordi belli ed indelebili. Ho una pessima memoria per quelli che sono i grandi eventi della mia vita, ma ricordo, con dovizia di particolari, dove ero e con chi ero durante tutte, tutte, proprio tutte le partite della Nazionale durante Mondiali e, perchè no, Europei. E tutti questi ricordi sono legati, indissolubilmente, all’estate, il periodo più bello dell’anno che, quando sei giovane e hai il mondo e la vita tutti davanti a te, diventa un periodo meraviglioso.

Ecco, adesso pare che ai piani alti del pallone abbiano deciso di toglierci anche questa gioia, anche questi ricordi, anche questa certezza. I Mondiali del 2022, quelli che si dovrebbero giocare in Qatar, quelli per cui sono già state accertate irregolarità, magagne, corruzione, insomma i Mondiali che dovrebbero certificare la morte del calcio così come lo abbiamo sempre conosciuto, si disputeranno in inverno. I Mondiali del 2022 si disputeranno dal 21 novembre al 18 dicembre.

Già, perchè c’era stato bisogno di rifletterci su e di pensarci. Perchè, quando fu decisa l’assegnazione di quei Mondiali al Qatar, nessuno aveva pensato ad un problema piuttosto elementare. In Qatar, in estate, fa un pochino caldo, e giocare a 50 gradi all’ombra non sarebbe stata l’idea del secolo. Per cui, dopo mesi, anni di discussioni, i fenomeni della Fifa hanno deciso di giocarli in inverno, quei maledetti Mondiali. Chissà come incastreranno le date del calendario calcistico, chissà come faranno a fermare i campionati per due mesi, o a far giocare solo quelli necessari, chissà come faranno a farci vedere le partite.

qatar20222Chissà anche se riusciranno a costruire gli stadi. Anzi, le città, visto che lo stadio in cui si disputerà la finale ovviamente ancora non esiste, e questo forse è normale. E‘ che non esiste ancora la città in cui si disputerà quella finale. Ma sicuramente i petrodollari degli sceicchi riusciranno a risolvere pure questa magagna.

Quello che non potranno costruire, quello che non potranno comprare, è la nostra passione. Non sappiamo se nel 2022 saremo ancora qui, non sappiamo se nel 2022 il calcio sarà ancora una priorità della nostra vita; magari ne avranno combinate tante altre, talmente tante da farci disaffezionare a questo sport. Magari, fino al 2022, lo avranno distrutto questo sport e non ne vorremo più sentir nemmeno parlare. Sicuramente toglierci i Mondiali d’estate, per quanto il 2022 sia un’idea ancora abbastanza lontana nella nostra testa, non è l’idea migliore per convincerci che questi signori vogliano il bene del nostro sport.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro