I giovani più forti del mondo secondo il CIES I giovani più forti del mondo secondo il CIES
Il CIES – Football Observatory ci ha abituato alle sue classifiche, stilate sempre in base a numeri, statistiche e calcoli in cui l’analisi statistica... I giovani più forti del mondo secondo il CIES

Il CIES – Football Observatory ci ha abituato alle sue classifiche, stilate sempre in base a numeri, statistiche e calcoli in cui l’analisi statistica si adatta quasi perfettamente al calcio. E anche in questi giorni l’istituto svizzero ha presentato un lavoro molto interessante, che mette in fila i migliori under 21 del mondo, o almeno quelli che giocano nei 31 campionati più rappresentativi della UEFA.

Il CIES ha fatto questo studio cercando di quantificare il tasso d’esperienza dei giovani calciatori, prendendo in esame le partite disputate e anche, ovviamente, il diverso peso specifico dei vari campionati. Giocare in Serie A, in Premier League, in Liga o in Bundesliga, per chi ha meno di 21 anni, è comunque più difficile che farlo in altri campionati.

Ne sono venute fuori 4 diverse classifiche, visto che il CIES ha deciso di dividere i calciatori per anno di nascita.

Così, il 1996 più forte d’Europa è Dele Alli, seguito da Brandt, dalla rivelazione Timo Werner del Lipsia, e da Marcos Asensio del Real. Una classifica che ci sembra abbastanza equilibrata.

Tra i classe ’97, spicca Renato Sanchese del Bayern, seguito da Ruben Neves del Porto, Malcom Filipe del Bordeaux, e da altri due prospetti spesso accostati a squadre di caratura ben diversa: il belga Tielemans e lo svizzero -ma nato in Camerun- Breel Embolo.




Tra i nati nel 1998 spicca Pulisic: il talento del Borussia Dortmund è inevitabilmente tra i più luminosi. Al terzo posto Manuel Locatelli del Milan, mentre in classifica c’è posto per un altro “italiano”, il figlio di Hagi, che gioca nella Fiorentina ma non ha ancora trovato molto spazio in prima squadra.

E tra i ’99? Bè, non poteva che esserci Gigio Donnarumma al comando…