Come ogni anno, al termine della stagione, è tempo di bilanci, tra giocatori che hanno mantenuto le aspettative e quelli che, al contrario, le...

Come ogni anno, al termine della stagione, è tempo di bilanci, tra giocatori che hanno mantenuto le aspettative e quelli che, al contrario, le hanno deluse.

Per ogni giocatore che si impone come “sorpresa” della stagione ce n’è uno che invece tradisce la fiducia che gli era stata accordata da dirigenza e tifosi, finendo per diventare il flop stagionale.

Oggi ci vogliamo concentrare proprio su di loro, ovvero quei giocatori che durante la campagna acquisti sono stati comprati a peso d’oro (o comunque tanto in relazione a ciò che avevano già dimostrato) e poi per un motivo o per l’altro non sono riusciti a rendere secondo le aspettative.

Per questo arduo compito ESPN viene in nostro soccorso, stilando questa speciale top 10 dei flop stagionali.

Non sempre la causa del flop è imputabile al giocatore, che in altri contesti ha dimostrato un valore indubbiamente superiore, più spesso è attribuibile ad una concatenazione di eventi, che hanno fatto sì che il calciatore in questione non abbia potuto rendere al meglio.

Andiamo a vedere i 10 nomi scelti dal portale americano:

10 – Nolito

 

Il 1 Luglio 2016 il Manchester City ha versato 18 milioni di euro per far firmare un contratto quadriennale all’ex giocatore del Celta Vigo.

Non certo una cifra spropositata per quelli che sono gli standard del club di Manchester, comunque una discreta somma se consideriamo lo scarso rendimento del giocatore che, dopo un buon inizio, è stato relegato più volte in panchina da Pep Guardiola.

9 – Claudio Bravo

Un altro giocatore del City, voluto fortemente da Pep Guardiola, pagato anch’esso 18 milioni di euro come Nolito e finito per fare praticamente la stessa fine, spesso relegato in panchina.

Claudio Bravo era stato preso in estate per la sua capacità di trattare bene il pallone con i piedi, motivo per il quale Joe Hart, ritenuto non adatto, era stato ceduto in prestito. Dopo molte battute a vuoto Pep Guardiola ha dovuto affidare i guantoni a Caballero, non certo un top del ruolo.

8 – Ahmed Musa

Dopo la vittoria a sorpresa della Premier della passata stagione, il Leicester ha voluto regalare un colpo a sorpresa per l’attacco, da affiancare ai confermati Vardy e Mahrez.

Per farlo è andato in Russia dal CSKA, presentando sul piatto 19,5 milioni di euro per l’attaccante nigeriano Ahmed Musa che, in tutta la stagione, ha totalizzato la misera di 2 gol in 14 presenze. Non benissimo

7 – Lucas Perez

Nella stagione non esaltante dell’Arsenal non sono tanti i giocatori che hanno mantenuto le aspettative. Tra questi non c’è sicuramente Lucas Perez, pagato 20 milioni di euro, la cui stagione è filata via incolore, senza lasciar alcuna traccia del suo passaggio.

Il centrocampista offensivo spagnolo, nell’ultima avvenuta al Depor, aveva collezionato 17 gol e 10 assist, che lasciano presagire ben altro impatto in questa stagione.

6 – Jesè

Acquistato in estate dal PSG per 25 milioni di euro, dopo soli 6 mesi è stato spedito a Gran Canaria in prestito al Las Palmas.

Per Jesè, acquistato dal Real Madrid, non una stagione indimenticabile: 1 gol nel club francese e 3 in quello spagnolo, era lecito aspettarsi di più visto il prezzo del cartellino.

5 – Gabriel Barbosa

Gabriel Barbosa all’Inter ha avuto una stagione assolutamente da dimenticare. Arrivato a Milano carico di aspettative, pagato 30 milioni di euro per strapparlo alla concorrenza, non ha avuto modo di dimostrare il suo valore.

Ad onor del vero l’attaccante brasiliano ci ha messo anche del suo, con comportamenti non sempre irreprensibili derivanti perlopiù da frustrazione per lo scarso impiego. A parte tutto la sua stagione è stata sicuramente un flop, tanto che in questi giorni si parla insistentemente di un prestito destinazione Spagna.

4 – Paco Alcacer

Se andiamo a vedere i freddi numeri la sua non sarebbe nemmeno una stagione così malvagia, con 8 reti in 28 presenze. Certo è che per 30 milioni di euro, questa la somma sborsata dal Barcellona per averlo, era lecito aspettarsi qualcosa in più, soprattutto in termini di prestazioni.

Purtroppo per lui, e a sua parziale giustificazione, trovare continuità di rendimento con quei mostri intoccabili là davanti non è per nulla semplice.

3 – Renato Sanches

Il centrocampista ex Benfica è stato protagonista con il Portogallo dell’Europeo vinto sorprendentemente, anche grazie alle sue prestazioni che hanno convinto il Bayern a sborsare la cifra considerevole di 35 milioni di euro per assicurarselo.

La sua prima stagione bavarese però è stata molto complicata, anche a causa della concorrenza agguerrita a centrocampo che non gli ha consentito di esprimersi con continuità. L’età è sicuramente dalla sua parte e, per quello che ha fatto vedere, siamo sicuri si riprenderà alla grande.

2 – John Stones

Altro giocatore del City, altro calciatore voluto da Pep Guardiola e autore di una stagione ben al di sotto delle aspettative.

Per strappare John Stones alla concorrenza, era molto apprezzato anche da Mourinho, è servita la somma di 55,5 milioni di euro, un’enormità considerando che stiamo parlando di un difensore con pochissima esperienza alle spalle.

La sua stagione è scivolata via tra alti (non tantissimi) e bassi: l’impressione è che con un sistema più solido, già nella prossima stagione, potrebbe risollevarsi.

1 – Joao Mario

Un altro giocatore dell’Inter dopo Gabigol, questa volta è il turno di Joao Mario, finito vittima di scelte poco comprensibili a livello di gestione tecnica.

Come Renato Sanches anche Joao Mario si era messo in evidenza nell’Europeo vinto dal Portogallo, motivo per cui il suo prezzo in fase di mercato è lievitato a 45 milioni di euro.

Usato spesso in alternativa a Banega, o in posizioni a lui non del tutto congeniali, ha faticato a lasciare il segno, riuscendoci solo in pochissime circostanze.

Siete d’accordo con questa classifica? Chi avreste inserito tra i giocatori rimasti fuori? Attendiamo i vostri riscontri.