I due episodi che hanno convinto la UEFA a usare il VAR dagli ottavi di Champions I due episodi che hanno convinto la UEFA a usare il VAR dagli ottavi di Champions
Il Comitato Esecutivo della UEFA, riunito oggi a Dublino, ha preso una decisione molto importante e che veniva invocata da tempo: già dagli ottavi... I due episodi che hanno convinto la UEFA a usare il VAR dagli ottavi di Champions

Il Comitato Esecutivo della UEFA, riunito oggi a Dublino, ha preso una decisione molto importante e che veniva invocata da tempo: già dagli ottavi di finale di questa edizione della Champions League verrà usato il VAR.

La decisione è per certi versi molto sorprendente, visto che in passato la UEFA si era dichiarata molto scettica in proposito, e aveva sempre detto di voler aspettare ancora un po’ prima di introdurre la tecnologia video nelle sue competizioni.

Ma, probabilmente, a far cambiare idea alla UEFA sono serviti due episodi, quantomeno clamorosi, successi proprio in queste giornate di Champions League.

Due episodi che hanno visto protagoniste le due squadre di Manchester e che con la tecnologia sarebbero stati valutati in pochissimo tempo, prendendo la decisione giusta sul campo.

Il primo, il più incredibile, è il rigore concesso al Manchester City contro lo Shakhtar Donetsk, con Sterling che calcia il terreno e finisce a terra, senza che nessun avversario lo abbia nemmeno sfiorato.

Il secondo episodio è invece molto più recente: si tratta del gol dell’1-0 segnato dal Manchester United contro lo Young Boys martedì scorso, viziato da un controllo di mano di Fellaini abbastanza evidente.

Un gol abbastanza pesante, questo, visto che ha praticamente eliminato il Valencia dalla corsa agli ottavi di finale.

Due episodi che, ne siamo certi, hanno spinto la UEFA a scegliere di introdurre la tecnologia video il prima possibile.

Related Posts