I Diavoli Rossi alla ricerca di un posto in Paradiso I Diavoli Rossi alla ricerca di un posto in Paradiso
Il Belgio a livello calcistico è in uno dei periodi migliori della propria storia. Una squadra nazionale così tanto zeppa di talenti, da quelle... I Diavoli Rossi alla ricerca di un posto in Paradiso

Il Belgio a livello calcistico è in uno dei periodi migliori della propria storia. Una squadra nazionale così tanto zeppa di talenti, da quelle parti non si era mai vista.

I belgi dopo aver disputato un discreto Europeo due anni fa in Francia, culminato con un’eliminazione però inaspettata ai Quarti di Finale contro il Galles, sono ora alla ricerca della consacrazione definitiva in un Mondiale di calcio.

La squadra che si appresta a partecipare alla Manifestazione russa, è una delle compagini più forti presenti all’interno del Torneo.

Il miglior risultato per la Nazionale belga in un Mondiale è quello ottenuto nel 1986, dove i Diavoli Rossi riuscirono a classificarsi quarti. Provare a ripetere o addirittura a migliorare una simile impresa è la sfida che aspetta i ragazzi allenati dal Mister spagnolo Roberto Martinez.

Dopo l’exploit del Mondiale messicano, il Belgio ha vissuto periodi bui. Senza veri campioni in squadra, per quasi vent’anni, le soddisfazioni arrecate ai propri tifosi sono state davvero minime. Proprio per questo motivo, l’attesa e le speranze che avvolgono Romelu Lukaku e compagni, al momento, sono elevatissime.

I belgi sono riusciti a qualificarsi per il Mondiale di Russia compiendo un cammino pressoché perfetto. Nove vittorie ed un unico pareggio arrivato contro la Grecia, nelle dieci partite disputate nel Girone di qualificazione. Ma soprattutto, mostrando una convinzione ed uno strapotere tecnico ed atletico che ha lasciato a tutti la sensazione di trovarsi davanti ad una squadra dal potenziale infinito.

I Diavoli Rossi sono stati sorteggiati nel Gruppo G e affronteranno Panama, Tunisia ed Inghilterra. Un Girone che sembra essere ampiamente alla portata dei ragazzi guidati da Martinez.

Ha fatto molto discutere la mancata convocazione di Radja Nainggolan da parte del selezionatore spagnolo che ha giustificato l’esclusione del centrocampista attualmente in forza alla Roma in Italia, per motivi tecnici e tattici.

Martinez ha preferito puntare su giocatori come Axel Witsel e Yannick Ferreira Carrasco che però ultimamente sono spariti dai radar del calcio europeo, privilegiando il ricco campionato cinese. Un azzardo questo che solo il campo potrà dirci se vincente oppure totalmente sbagliato.

I 23 giocatori scelti da Roberto Martinez per il Mondiale sono:

Portieri: Koen Casteels (Wolfsburg), Thibaut Courtois (Chelsea), Simon Mignolet (Liverpool).

Difensori: Toby Alderweireld (Tottenham), Dedryck Boyata (Celtic), Leander Dendoncker (Anderlecht), Vincent Kompany (Manchester City), Thomas Meunier (PSG), Thomas Vermaelen (Barcellona), Jan Vertonghen (Tottenham).

Centrocampisti: Yannick Carrasco (Dalian Yifang), Nacer Chadli (WBA), Kevin De Bruyne (Manchester City), Mousa Dembele (Tottenham), Marouane Fellaini (Manchester United), Eden Hazard (Chelsea), Thorgan Hazard (Borussia Mönchengladbach), Adnan Januzaj (Real Sociedad), Youri Tielemans (Monaco), Axel Witsel (Tianjin Quanjian).

Attaccanti: Michy Batshuayi (Borussia Dortmund), Dries Mertens (Napoli), Romelu Lukaku (Manchester United).

Questa è una squadra che non ha bisogno di troppe presentazioni. Una Rosa molto competitiva in tutti i reparti del campo. Forse, solo tra le fila della Germania, della Spagna ed in parte della Francia, se si parla di talento puro è possibile trovare qualcosa in più rispetto alla Nazionale belga.

L’Allenatore Roberto Martinez sembra orientato a schierare i suoi con un 3-4-3. Il portiere naturalmente sarà Courtois. In difesa giocheranno Boyata (vista l’assenza di Kompany), Vertonghen e Alderweireld. A centrocampo sulle fasce agiranno Meunier e Carrasco, in mezzo al campo, invece spazio a Witsel e De Bruyne. Il tridente offensivo sarà probabilmente formato da Eden Hazard, Mertens e l’imprescindibile Lukaku (miglior marcatore della storia del Belgio).

Courtois, Kompany, De Bruyne, Eden Hazard e Romelu Lukaku solo per citarne alcuni, nel loro massimo stato di forma, sono evidentemente e palesemente tra i giocatori più forti, nei loro rispettivi ruoli, dell’intero panorama calcistico mondiale.

Nessuno dei giocatori convocati da Martinez gioca in Belgio se si fa eccezione per il giovane Leander Dendoncker in forza all’Anderlecht. Ciò sta a significare l’enorme esperienza a livello internazionale a disposizione dell’allenatore spagnolo. Un aspetto, questo, che a determinati livelli è assolutamente fondamentale perché permette una migliore gestione della pressione e dei singoli momenti, anche difficili, all’interno di una partita di calcio.

La Nazionale belga ha davanti a sé la chiara opportunità di poter scrivere una storia indimenticabile per il proprio popolo. Undici milioni di tifosi, vestiti di rosso, nero e giallo, convinti e allo stesso tempo speranzosi di poter ottenere un risultato inimmaginabile solo alcuni anni fa.

Tutto il Belgio sembra essere pronto per vivere un’estate da ricordare in eterno, perché a volte anche i Diavoli (Rossi), puntano al Paradiso.

Raffaello Lapadula
twitter: @RafLapo

Related Posts

Il post polemico di Icardi alla vigilia di Inter-Empoli

2019-05-23 13:23:10
delinquentidelpallone

18

Quando Giuseppe Rossi salvò il Parma da solo

2019-05-22 15:18:29
delinquentidelpallone

18

L’anno prossimo Gian Piero Ventura potrebbe allenare in Serie B

2019-05-22 14:21:26
delinquentidelpallone

18

Dove andrà Allegri dopo l’addio alla Juventus?

2019-05-17 14:01:40
delinquentidelpallone

18

Il messaggio di Francesco Totti per Daniele De Rossi

2019-05-14 15:54:42
delinquentidelpallone

18

Martin Skrtel potrebbe giocare in Serie A l’anno prossimo

2019-05-11 17:39:10
delinquentidelpallone

18