E’ di nuovo sabato, è di nuovo tempo di raccogliere tutte le informazioni a vostra disposizione e mettere in campo una squadra più competitiva...

E’ di nuovo sabato, è di nuovo tempo di raccogliere tutte le informazioni a vostra disposizione e mettere in campo una squadra più competitiva possibile per il vostro Fantacalcio.

Come ogni settimana, ci siamo noi a tentare di facilitarvi le cose, con i nostri consigli: starà come sempre a voi, e alla vostra coscienza, decidere se è meglio seguirli oppure (come ci par di capire) fare esattamente il contrario.

Andiamo immediatamente a scoprire, prima che Carpi-Palermo apra le danze alle ore 15, i giocatori da schierare e quelli da evitare in questa 22a giornata di Serie A.

I giocatori da schierare

Schierare un sedicenne alla prima da titolare al derby della Madonnina vi sembra una follia? Pure a noi, onestamente, ed è proprio per questo motivo che vi consigliamo di schierare, nella maniera più decisa, Gigione Donnarumma tra i pali della vostra fantaporta. Siamo sicuri che il Signore Iddio saprà ricompensare questa follia. Altro nome caldo, quello del delinquentissimo Ichazo del Toro, che con le sue uscite da bandito mangerà sulla capoccia di Toni e Pazzini.

Per la difesa, ci pare scontato dirvi di puntare, con tutte le vostre forze, immediatamente, su Ranocchia. L’ex interista è appena arrivato alla Samp e sarà sicuramente carico e voglioso di riscattarsi: non vediamo assolutamente come Mounier, Destro o Giaccherini possano impensierire il buon Andrea. Altri nomi da mettere nella lista dei buoni sono quelli di Suagher e Goldaniga che decideranno con due inzuccate l’1-1 di Carpi-Palermo. Certo, se avete comprato Suagher al Fantacalcio meritereste una medaglia dal Presidente della Galassia in persona.

A centrocampo tocca puntare, senza se e senza ma, sulle geometrie di Kondogbia: nel derby, dopo la battaglia a suon di milionazzi di quest’estate, il francesino con la faccia incazzata segnerà con la più classica delle mine da 30 metri e farà tirare parecchie ingiurie al cielo ai tifosi milanisti. Magnanelli non dovreste tenerlo fuori nemmeno per sbaglio: prestazione alla Emerson dei tempi belli, di quelli che vedevi la partita e non aveva fatto assolutamente nulla, poi leggevi la pagella del giorno dopo e trovavi il 7,5 d’ordinanza. Attenti anche al gol dell’ex di Simone Pepe.

In attacco, attenzione a German Denis. L’attaccante dell’Atalanta è stato praticamente già venduto all’Independiente, ma giocherà oggi l’ultima da titolare con la maglia della Dea. Quanto voleremmo con una sua rete di addio, con lacrime, abbracci ai pargoli e saluti commossi? Altro bomber che troverà la via della porta a raffica in questo weekend è Leonardo Pavoletti. Ma Pavoletti andrebbe messo anche al fantabasket, santiddio.

I giocatori da evitare

Pensavate di dormire sonni tranquilli voi possessori di Reina eh? Bè vi sbagliate di grosso. I sonni, belli pensanti, oggi se li farà Pepe in una di quelle giornate in grado di far bestemmiare pure Papa Francesco. Non sappiamo dirvi con esattezza se le papere saranno una o più, quello che ci sentiamo di poter affermare con discreta certezza è che il suo voto in pagella non supererà i minuti giocati da Ansaldi prima di farsi cacciare con ignominia, ovvero 5. Non fidatevi nemmeno di Mirante e del Tata, in particolare del secondo che farà una partita perfetta fino all’85 salvo poi farsi passare tra le gambe un pallone innocuo.

In difesa state alla larga da tutto ciò che si chiama Frosinone. La squadra ciociara prenderà un’imbarcata che in confronto quella del Titanic fu una passeggiata. Occhio anche ai difensori biancocelesti che, vista la partita non proibitiva, potrebbero far gola a qualcuno. Non essendoci titolare Mauricio non ci sarà quella guida spirituale in campo pronto ad indicare chi randellare e in che modo, ed i compagni si troveranno spaesati come agnellini di fronte ad un lupo.

Centrocampo, bel dilemma: già vi vediamo, possessori di Tino Costa, gongolanti con la bava alla bocca sognando il gol dell’ex dal dente avvelenato. Noi vi avvisiamo prima, come sempre, e vi diciamo di non fare questo errore madornale, la partita del buon Tino durerà dai 20 ai 30 minuti, a seconda del buon cuore del direttore di gara, in caso di Carminerussodinola anche 15. Poi vedete voi. Occhio anche ai centrocampisti delle milanesi in quanto il derby potrebbe agevolmente finire a sputi e a farne le spese dovrebbero essere i giocatori che bazzicano le zone nevralgiche del campo. Qualcuno tra questi, però, prenderà un bonus cospicuo, come anticipato nella prima parte. Non fatevi tentare da Suso dopo le recenti prestazioni, tornerà sulla terra e lo farà schiantandosi contro Roncaglia e Gonzalo Rodriguez, due brutti clienti.

Capitolo attacco: Mpoku e Inglese da non toccare nemmeno con un bastone, lasciateli dove stanno. Jerry Mbakogu si dannerà l’anima ma non concluderà nulla, anzi sbaglierà un gol praticamente a porta vuota. Mattia Destro da mettere solo in caso gli altri attaccanti siano quelli succitati, se la gioca con Soddimo e Ciofani, con leggera preferenza per quest’ultimo.