I 45 secondi che dimostrano perchè il calcio scozzese è ineguagliabile. I 45 secondi che dimostrano perchè il calcio scozzese è ineguagliabile.
Nell’ultimo turno di Premiership, il massimo campionato scozzese, c’è stata una partita molto sentita ovvero il derby di Edimburgo tra Hearts e Hibernian. La... I 45 secondi che dimostrano perchè il calcio scozzese è ineguagliabile.

Nell’ultimo turno di Premiership, il massimo campionato scozzese, c’è stata una partita molto sentita ovvero il derby di Edimburgo tra Hearts e Hibernian.

La sfida, come facilmente immaginabile, è stata ricca di episodi tesi al limite, e qualcuno anche oltre, del regolamento e ha regalato il suo momento clou negli ultimi minuti di gara.

A dispetto del risultato, pareggio a reti inviolate, ci sono state diverse emozioni in particolare nell’ultimo minuto di gioco quando è stato annullato un gol agli Hearts, episodio che ha scatenato una serie di eventi raccolti in un video di 45 secondi che è iniziato a circolare al termine della partita diventato subito virale.

Ecco il riassunto:

Già l'”azione” che porta al gol annullato è tutta un programma, in pieno stile scozzese, poi succede di tutto: l’allenatore dell’Hibernian Neil Lennon si rivolge ai tifosi di casa invitandoli a stare calmi, con chiari gesti, facendo notare loro che il gol è stato annullato.

I tifosi non la prendono per nulla bene e gli lanciano una monetina sul mento, costringendo il tecnico a ricorrere alle cure mediche.

Subito dopo il portiere di casa, Zlamal, è stato colpito al volto dai tifosi ospiti, probabilmente in cerca di vendetta.

Al termine della partita Lennon è tornato sull’episodio che lo ha visto protagonista: “Dovevano avere qualche sterlina di troppo i tifosi, per questo me l’hanno lanciata. Spero che il responsabile venga individuato e di poterlo incontrare faccia a faccia“.

La partita era già stata piuttosto fallosa con l’espulsione di Florian Kamberi al 65′ per gli ospiti, in seguito a doppia ammonizione: in totale sono stati 7 i cartellini gialli sventolati dall’arbitro oltre al già citato rosso.

Un derby in cui sono mancati solo i gol, che dimostra come il calcio in Scozia sia ancora vissuto in maniera molto viscerale, forse pure troppo, e in cui lo scontro fisico sia parte integrante del gioco.